Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Gli eroi bianconeri
Gli eroi in bianconero: Silvino BERCELLINOTUTTO mercato WEB
martedì 31 gennaio 2023, 10:16Gli eroi bianconeri
di Stefano Bedeschi
per Tuttojuve.com

Gli eroi in bianconero: Silvino BERCELLINO

Pionieri, capitani coraggiosi, protagonisti, meteore, delusioni; tutti i calciatori che hanno indossato la nostra gloriosa maglia

«Dove lo mandiamo Bercellino II quest’anno - si chiede Vladimiro Caminiti – l’allenatore lo ritiene superfluo per la rosa. E Bercellino numero due viaggiava. Mantova, Palermo, Potenza, dovunque segnando goal col sinistro, che risolvevano la partita ma non l’avvenire del giocatore. Nemmeno le mani Accadue lo avevano sciolto. Silvino amava giochicchiare, occupato a spartire l’ora e mezzo con lo stopper di turno, se la prendeva comoda. Bambino grassottello, non si scalmanò mai. Voleva divertirsi. Era lento ma soprattutto non aveva la perfidia di chi vuol far carriera. Non aveva nemmeno la tenacia del fratello. Qualche volta buon vino mente».
Nato a Gattinara, in provincia di Vercelli, il 31 gennaio 1946, Silvino Bercellino muove i primi passi nel settore giovanile bianconero, ripercorrendo fedelmente le orme del più celebre fratello, Giancarlo, di cinque anni più vecchio e, per ben otto stagioni, pilastro difensivo della Juventus degli anni Sessanta. Dotato di un discreto fisico e di un’ottima tecnica, schierato da mezza punta, Silvino disputa due stagioni in prima squadra, nel 1963-64 e nel 1965-66, totalizzando sedici presenze e otto goal; nonostante non sia un vero centravanti, mette in luce quella vena realizzativi che lo contraddistinguerà durante tutta la carriera. Realizzerà, infatti, con le maglie del Potenza, del Palermo, del Mantova e del Monza, oltre settanta goal fra Serie A e Serie B.
«Traspedini, è forte – dice il giorno del raduno dell’estate 1965 – ed è animato dalle mie stesse ambizioni; spero comunque di riuscire a trovare anch’io un posto in prima squadra.

È il mio grande sogno da quando ho incominciato a seguire le orme di mio padre e di mio fratello giocando al football. Sarà l’allenatore a decidere e chi sarà più in forma giocherà. La concorrenza con Traspedini servirà a tutti e due per spingerci a fare sempre meglio. Sono certo che essa non si trasformerà in rivalità. Siamo troppo giovani per pensare alle polemiche, ma soltanto servirà di incitamento. Personalmente ho fiducia, una stagione nel duro torneo di Serie B, contro avversari decisi, mi ha consentito di fare un’interessante esperienza e di eliminare molte ingenuità nel mio modo di giocare. Cosa questa che non avrei potuto ottenere rimanendo nella squadra giovanile della Juventus. Ricordo con affetto e gratitudine i tecnici che mi hanno avviato nei primi passi; si tratta del signor Pedrale, l’istruttore del NAGC bianconero, e del signor Rabitti che mi ha seguito nelle squadre minori e nella De Martino».
Purtroppo per lui, non è facile trovare posto in quella Juventus, i campioni abbondano, soprattutto a centrocampo; Leoncini, Del Sol, Stacchini e Cinesinho, sono giocatori di caratura internazionale e, logicamente, lasciano pochissimo spazio ai rincalzi. C’è da tenere anche conto che, a quei tempi, non sono consentite le sostituzioni, per cui le occasioni di scendere in campo sono davvero contate.
Silvino è il fiore all’occhiello del vivaio bianconero, ma manca di quella grinta e quella voglia di lottare su ogni pallone che gli permetterebbero di sfondare. Gioca, da campione, venti minuti su novanta; il tempo restante lo trascorre passeggiando per il campo e, quando fa caldo, all’ombra proiettata dalla tribuna.
Questo comportamento gli vale l’appellativo di Torero Camomillo; quando, però, decide che è il momento di giocare, sono dolori per tutti. Sandro Ciotti che lo vide giocare in una partita contro il Cagliari di Riva, disse in radiocronaca: «Oggi ho visto un giocatore da Nazionale: Silvino Bercellino».