HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » juventus » Storia bianconera
Cerca
RMC Sport Network
Sondaggio TMW
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

Beppe Furino, un faticatore inesauribile

22.05.2010 08:23 di Salvatore Campana    per tuttojuve.com   articolo letto 1125 volte

Beppe Furino è stato davvero un uomo squadra, la spina dorsale di tante formazioni. Correva per tutti, difendeva ed attaccava con una continuità davvero impressionante. Un esempio oggi per tutti quei giocatori che intraprendono il suo ruolo e che dovrebbero ricordarsi di come si sta davvero in campo, cosa che Furino sapeva fare in maniera egregia. Nato a Palermo il 5 Luglio 1946, cresce nella scuola juventina, attraversando tutte le formazioni giovanili e successivamente andando prima in prestito al Savona e poi proprio al Palermo. Esordisce nella Juventus nel 1969 giocando fino al 1984. Il suo palmares è ricchissimo: 8 campionati vinti tutti con la squadra bianconera, nel 1972- 73-75-77-78-81-82-84; inoltre conquista 2 Coppe Italia nel 1979 e 1883 ed una Coppa Uefa nel 1977 con una formazione formata soltanto da giocatori italiani. Un capolavoro dei capolavori, infatti proprio quell’anno, oltre alla Coppa Uefa, la Juventus di Furino, riesce a vincere lo scudetto 1976-77 con 51 punti, record assoluto in un campionato a 16 squadre. In tutto 528 presenze nella sua grande esperienza bianconera. Furino, non ebbe un buon rapporto con la nazionale italiana. Forse in quel periodo i grandi faticatori erano ritenuti “non idonei” per essere considerati campioni. Il campione è anche colui che lavora per i cosiddetti “fuoriclasse”, recuperando mille palloni, mettendo sempre il “cuore” in campo, senza tirarsi mai indietro. Secondo Boniperti, Furino ne aveva due di cuori, tanto da essere soprannominato in diversi modi da “furia” a “moto perpetuo” fino a “Furin furetto”. Nella sua carriera da juventino segnò otto gol, il suo numero perfetto come gli scudetti vinti, ma spesso decisivi, come quello segnato contro il Napoli il 30 Aprile del 1977 in una giornata di pioggia e fango. Soltanto lui poteva decidere quella gara, per la grinta e le sue capacità di adattarsi a quei terreni fangosi e non certo idonei per quei giocatori dai piedi sopraffini. Questo era Beppe Furino una colonna portante della Juventus degli anni vincenti. Oggi collabora egregiamente con Juventus Channel, fornendo sempre commenti pertinenti ma soprattutto sinceri, senza tirarsi indietro quando c’è davvero da criticare la squadra. In campo come fuori dal campo: un campione.
 


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Juventus

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Juventus
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy