Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / juventus / Serie A
TMW RADIO - Nappi: "Preso il Covid il 4 ottobre. Dieci giorni senza odori, ma me la sono cavata"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 02 dicembre 2020 19:29Serie A
di Dimitri Conti
tmwradio

Nappi: "Preso il Covid il 4 ottobre. Dieci giorni senza odori, ma me la sono cavata"

L'ex attaccante Marco Nappi, oggi allenatore della squadra giovanile del Beijing U17 in Cina, si è collegato in diretta con Stadio Aperto, trasmissione di TMW Radio condotta da Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini. Iniziando da una rivelazione": "Il 4 ottobre ho preso il Covid".

Com'è stato?
"Un paio di giorni di febbre, poi dolori alle ossa e dopo cinque-sei giorni, nonostante un naso importante come il mio, non sentivo più nessuno odore. Ho messo cipolla, aglio, dentifricio... Mi è durata dieci giorni questa cosa, ma sono stato comunque fortunato per non aver avuto grossi problemi. Me la sono cavata bene".

Come va sul possibile rientro?
"La situazione non è buona. Hanno molta paura di chi viene da fuori: sono riusciti a rientrare un paio di serbi e un italiano, ma gli hanno fatto fare 28 giorni di quarantena, senza poter uscire dall'accademia. Se lo fanno devono scrivere dove vanno, a che ora, il numero di taxi... Una cosa assurda. Io però sono ancora bloccato qui in Italia, e almeno fino al 2021 non se ne parla".

Fiorentina e Genoa si giocano tantissimo...
"Una partitaccia. Poi vediamo che c'è il Benevento che fa risultati, lo Spezia idem, l'Udinese che va a vincere a Roma... Sarà una partita importante, per chi riuscirà a vincere sarà un trampolino di lancio, mentre il pareggio non andrebbe bene a nessuna delle due. Vedo un po' meglio la Fiorentina".

Che succede al Genoa degli ultimi anni?
"Sembra ogni anno sempre la stessa storia, anche se cambiano giocatori e allenatori..".

Quest'anno anche il ds.
"Sì, e non si è capito bene il perché. Ma anche cambiare allenatore in continuazione rende tutto difficile, e vale anche per Prandelli che ora a Firenze deve conoscere i giocatori e capire bene quali sono i problemi e come risolverli".

Scamacca diventerà forte?
"Sto ragazzo l'ho visto giocare col Sassuolo al Torneo di Viareggio, e già mi aveva impressionato. Forza fisica, bravo di testa, ma mi sembrava un po' indisponente in campo. Parlo del 2016, eh... Ora però nel Genoa sta dimostrando tutto il suo valore ed è anche l'unico che riesce a vedere la porta più grande e che sta tenendo un po' in piedi la baracca".

Alla Fiorentina manca un nove?
"Sì, per me è sempre stato il grande problema. Ormai è da un po', tra l'altro. Alla Fiorentina manca un giocatore come il centravanti dello Spezia, Nzola, uno che tiene su la palla e ti fa ripartire. Quello potrebbe farti fare il salto di qualità".

Perché l'Atalanta segna un po' meno?
"Per me in Italia cominciano ad essere un po' come la Juventus... Penso che la Champions stia togliendo loro un po' di energia, anche mentale, e oggi chi li affronta va contro una squadra top. Sicuramente ne verranno fuori, secondo me stanno pensando solamente a passare il turno di Champions, una cosa molto importante sia sul prestigio".

Questa deve essere l'annata della svolta per Castrovilli?
"Adesso deve esserci la bravura del campione, quella di riproporsi ogni anno, di essere sempre sul pezzo. Oggi vedo giocatori che arrivano in Serie A e in Nazionale molto più facilmente rispetto a prima. Comunque ora si vedrà se è caratterialmente forte, ma per me ha dimostrato il suo valore ed è un giocatore che può dare moltissimo alla Fiorentina. Quando lo vedo giocare mi piace".

Un peso avere la numero 10?
"No... Deve essere una figata! Ma quale peso? Più sei stimolato e hai degli obblighi, più dovresti dare. Il vero problema del calcio, ma questo è un discorso in generale, che nessuno è più attaccato alla maglia. Bisogna lottare per il contratto dell'anno dopo, ma oggi ormai i contratti sono di almeno cinque anni, e questi ragazzi si perdono per strada... Ricordo che noi a 23 anni eravamo sposati con figli, e questo ci impediva di fare i coglioni in giro. Poi chi la campa la famiglia? Secondo voi un giovane di oggi con un quinquennale da un milione non esce il venerdì perché poi gioca la domenica? Assolutamente no. Questo però è solo il mio pensiero".

Come ricorda Maradona?
"Ricordo che a Perugia, nel parcheggio del Curi, lo incontrai nel parcheggio con Landucci. Ho una foto con lui che si scaldava proprio lì. Provate a dirlo oggi a un giocatore normale, prima della partita, che deve andare a scaldarsi nel parcheggio. Figuriamoci... Diego l'ha fatto, e ad Acerra ha giocato persino sulla terra battuta. Oggi serve l'erba tagliata a filo... Diego era il numero uno per distacco".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000