Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
Calhanoglu: "Pirlo è il mio idolo, il numero uno. Ricordo il cucchiaio su Hart a Euro 2012..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 22 febbraio 2024, 14:00Serie A
di Tommaso Bonan

Calhanoglu: "Pirlo è il mio idolo, il numero uno. Ricordo il cucchiaio su Hart a Euro 2012..."

"Mesi fa ho affermato di essere tra i primi 5 registi al mondo e nessuno mi ha creduto. Ma io credo in me stesso, conosco le mie qualità e non ho paura di nessuno". Hakan Calhanoglu si racconta in una intervista a Dazn al titolo "Calha si gira". Dall'entrata nella squadra alla sua ispirazione calcistica, fino al suo stile di gioco distintivo. "Quei gol che segno, nessuno li fa. Non faccio gol da un metro, ma da lontano, magari su punizione, faccio cose difficili".

Ti elenco cinque nomi che giocano in quella posizione, mi fai la tua personale top-5?
"Hakan Calhanoglu al numero uno, poi Rodri, Toni Kroos, Kimmich ed Enzo Fernandez".


Poi il centrocampista nerazzurro parla del passaggio a Dimarco durante il derby d'Italia: "Cercherò sempre di fare questi passaggi in campo. Non mi piace giocare sempre il pallone all'indietro, preferisco verticalizzare subito, giocare veloce e cercare di sfruttare gli spazi. Abbiamo giocatori che attaccano la profondità e in questa circostanza ho subito visto Dimarco, anche prima che la palla mi arrivasse. Sono azioni che proviamo in allenamento, conosciamo le nostre qualità."

Infine Calhanoglu esalta Pirlo: "Pirlo è il mio idolo, lo conosco bene. Mi piaceva il modo in cui giocava, il suo atteggiamento tranquillo in campo. Non sentiva lo stress, ricordo il cucchiaio su Hart a Euro 2012. È il mio idolo, il numero uno".