Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
La Serie A 2023/24 per Di Biagio: "Inter, Juve e Roma devono fare meglio, occhio al Monza"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 5 luglio 2023, 14:30Serie A
di Dimitri Conti

La Serie A 2023/24 per Di Biagio: "Inter, Juve e Roma devono fare meglio, occhio al Monza"

L'ex centrocampista Luigi Di Biagio, oggi allenatore, si è così espresso dagli studi di DAZN nel corso della presentazione del calendario di Serie A 2023/2024: "Cambiava molto il calendario, a seconda della squadra in cui eri. E di solito eravamo già in ritiro, quindi si commentava magari a tavola, la sera. Iniziare in modo soft per una grande non è male

Che aspettarsi dall'Inter?
"In Europa abbiamo visto tutti, ma in campionato Inzaghi dovrà fare di più. L'Inter deve competere per il titolo, con Thuram e Frattesi mette basi importanti. Devono puntare allo Scudetto dopo aver chiuso venti punti dietro al Napoli".

Che si aspetta dalle tre neopromosse, Frosinone, Genoa e Cagliari?
"Sono piazze blasonate e fa sì che il campionato sia ancora più bello e avvincente, in quanto a nomi. Le cosiddette piccole, vedi il Monza su tutte, non lo sono più così tanto... Confermarsi non sarà semplice".

Un commento sul Derby d'Italia.
"Giocano a breve distanza tra le due partite, inusuale ma c'è un certo fascino. È una partita bella, importante e storica".


Che ruolo può recitare la Roma?
"Sono una di quelle squadre che dovranno cercare di migliorarsi, magari arrivare tra le prime quattro. Non è facile, il mercato non è decollato e ci sono mancanze, il sesto posto però non può bastare".

Colpito dall'addio di Maldini al Milan?
"Sarà un'assenza importante, era punto di riferimento per allenatore, giocatori e tifosi. Se i calciatori vanno e vengono, ora bisogna invece vedere la società in che direzione vuole andare".

Chi può essere un allenatore outsider per l'Europa?
"Fare un nome è difficile, ma con la continuità certi allenatori potranno far giocare meglio le proprie squadre. Metterei anche il Monza, può accreditarsi come sorpresa in funzione dell'Europa. Anche il Bologna mi è piaciuto molto quest'anno".

Che auspicio per la stagione?
"Speriamo tutti in un maggior equilibrio, anche se pure lo scorso in fondo, per alcune posizioni, lo è stato. Ci sono squadre che devono fare di più, Inter e Juventus su tutte".