Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, oggi sono 46 anni dall'ultima di Maestrelli: il racconto...TUTTOmercatoWEB.com
domenica 26 giugno 2022, 16:01News
di Lalaziosiamonoi Redazione
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Niccolò Di Leo - La Lazio Siamo Noi

Lazio, oggi sono 46 anni dall'ultima di Maestrelli: il racconto...

Oggi sono 46 anni dall'ultima partita di Maestrelli con la Lazio, l'ultima di un anno che portò al miracolo-salvezza del Maestro...

Era il 26 Giugno del 1976 quando la Lazio reduce da una salvezza giudicata impossibile, affrontava allo Stadio Olimpico il Genoa per l'ultima gara della stagione. Il match era valido per il Girone B delle semifinali di Coppa Italia e i biancocelesti non avevano più nulla da chiedere, la partita valeva quasi come un'amichevole. La Lazio orfana di Giorgio Chinaglia, partito per l'America, e guidata da Bruno Giordano vinse per 1-0 grazie alla rete di Luciano Re Cecconi. Fu proprio l'Angelo Biondo a decidere, inconsapevolmente, quella che sarebbe stata l'ultima partita di Tommaso Maestrelli sulla panchina della Lazio.

L'ULTIMO MIRCOLO DI TOM - Il "Maestro", colpito da una grave malattia, quell'anno fu costretto a lasciare la sua squadra per essere ricoverato nella clinica Paideia. Il presidente Lovati chiamò Corsini a condurre, ma l'ex Atalanta non fu mai in grado di gestire uno spogliatoio che solo Maestrelli aveva compreso fino in fondo. Nel frattempo Tom, grazie a una cura sperimentale, tornò in forze e fu richiamato in panchina: il Maestro, il punto di riferimento di un popolo, nel periodo più difficile della sua vita aveva come compito quello di scrivere ancora la storia della Lazio.

Prese in mano lo spogliatoio, diede la vitalità e la forza giusta, li spinse a lottare come lui stesso stava facendo. La Lazio ripartì, finì fuori dalla zona retrocessione, guidata anche da due scoperte di Maestrelli: Bruno Giordano, a cui diede il posto e la "9" di Chinaglia, e Lionello Manfredonia. Il miracolo, il secondo in tre anni, avvenne in Como-Lazio quando la "Banda" finita sotto 2-0, e a un passo dal baratro, reagì con le reti di Giordano e di Badiani. Il campionato finì a pari punti con l'Ascoli (reduce da un pareggio con la Roma, ndr) che, per differenza reti, retrocesse. 

Maestrelli compì il miracolo, la Lazio fai salvò e il 26 Giugno del 1976, 46 anni fa oggi, scendeva in campo per l'ultima volta guidata dal Maestro. La malattia si riacutizzò e Tom fu costretto a essere ricoverato. La Lazio passò a Vinicio, indicato dallo stesso Maestrelli come suo erede. Il 3 Dicembre dello stesso anno, Tommaso se ne andò, ma il suo nome rimase per sempre nella storia.