Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Euro 2024
Italia, Ballotta: “Donnarumma fortissimo anche a livello mentale”TUTTO mercato WEB
venerdì 21 giugno 2024, 22:23Euro 2024
di Redazione TMW

Italia, Ballotta: “Donnarumma fortissimo anche a livello mentale”

tmwradio
Ospite: Marco Ballotta Piazza Affari con Alessandro Sticozzi e Lucio Marinucci
00:00
/
00:00
Marco Ballotta, ex portiere, è intervenuto a TMW Radio, nella trasmissione Piazza Affari. Queste le sue parole:

Come ha visto l’Italia contro la Spagna?
“Mi aspettavo una partita diversa, di certo non con tutta questo divario. Si è visto un livello diverso anche rispetto alla prima partita, dove eravamo apparsi messi meglio in campo. È stata un’Italia troppo brutta per essere vera”.

La sconfitta è stata causata più da problemi individuali o di squadra?
“Sono stati problemi individuali, ma che poi sono diventati collettivi. Ho visto fuori forma anche Chiesa, mentre Scamacca era troppo solo. L’atteggiamento in toto non mi è piaciuto, perché perdere si può, ma non così. Non abbiamo giocato da Italia, mentre avevano il dente avvelenato”.


Cosa dobbiamo aspettarci dalla partita contro la Croazia?
“Sarà una partita in cui potremmo andare in difficoltà se non dovessimo affrontarla come si deve. Pa Croazia con la Spagna meritava decisamente qualcosa in più. Di sicuro non possiamo giocare per il pareggio, dobbiamo giocare da Italia”.

Donnarumma ci ha salvato la faccia. A volte viene troppo criticato in Italia?
“Penso che il problema sia di chi lo critica. Si è sempre dimostrato fortissimo a livello mentale, ha proseguito sempre per la sua strada anche dopo qualche errore. È il numero uno, ma di certo non lo ha dimostrato solo ieri sera”.

Provedel o Mandas per la Lazio della prossima stagione?
“Per la Lazio ben vengano problemi di abbondanza come questo. Provedel lo vedo un po’ più pronto, ha già giocato campionati importanti, ma Mandas si è comunque messo in luce quando è stato chiamato in causa”.