Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / livorno / Calcio
Post gara. Giampà: "Ripartiamo dal non aver concesso tanto"
domenica 27 novembre 2022, 19:46Calcio
di Lorenzo Palma
per Amaranta.it

Post gara. Giampà: "Ripartiamo dal non aver concesso tanto"

Livorno – Pareggio amaro quello amaranto contro il Tau viste le occasioni create soprattutto nel secondo tempo ma i centravanti del Livorno hanno sbagliato molte palle gol pulite e ai lucchesi sono bastati un retropassaggio sbagliato e una svista in marcatura per strappare un punto al Picchi. Si distingue in positivo Elia Giampà che, a causa della squalifica di Russo, torna titolare in una linea difensiva a 4 insieme a Karkalis, Fancelli e Zanolla e disputa una buona partita condita da alcune sue incursioni offensiva a cui ci aveva abituato lo scorso anno. Nella conferenza anche lui è ovviamente amareggiato e molto chiaro: “Ho sempre cercato di dare il mio contributo anche quando entravo dalla panchina, mi sono sempre messo a disposizione, lo farò anche in futuro, non c’è problema. Il mister mi conosce bene, sa che posso fare anche il terzo nella difesa, sa che può contare su di me. Mi piace salire però il primo obbiettivo è cercare di non prendere gol ma non ci è riuscito quindi non siamo felici. Oggi non è andata molto bene, penso che sia lo specchio del nostro momento, potevamo chiudere la partita più volte e invece abbiamo preso gol alla prima loro occasione nel secondo tempo. Ai tifosi che ci fischiano non gli possiamo dire nulla, hanno ragione, anzi ho sentito anche qualche applauso, ci hanno anche incitato fino alla fine. C’è rammarico perché non abbiamo mai rischiato nulla, si è preso il primo gol per un retropassaggio sbagliato e il secondo un mezzo tiro sbilenco capita sull’uomo sbagliato che la butta dentro, non doveva succedere ma ripartiamo dal non aver concesso tanto perché dobbiamo essere positivi, non possiamo piangerci addosso.”