Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Primo Piano
Chiusa l'era Maldini-Massara: risultati fuori dal normale. Ora il nuovo (che avanza?)TUTTO mercato WEB
mercoledì 7 giugno 2023, 20:00Primo Piano
di Antonello Gioia
per Milannews.it

Chiusa l'era Maldini-Massara: risultati fuori dal normale. Ora il nuovo (che avanza?)

Tra ieri e oggi, tramite due comunicati stampa chiari e senza troppi giri di parole, l'AC Milan ha chiuso ufficialmente i rapporti con Paolo Maldini e Ricky Massara, mettendo fine ad un'era calcistica iniziata nel 2018 con lo storico capitano, a cui si è aggiunto, il 21 giugno 2019, l'ex direttore sportivo, e che ha visto i rossoneri portare a casa il bellissimo Scudetto della stagione 2021-2022.



Risultati fuori dal normale
Sì, uno Scudetto in 5 anni è fuori dal normale. Il calcio va analizzato attentamente, nei dettagli e non per sommi capi. All'arrivo di Paolo Maldini, il Milan era appena diventato di proprietà del fondo Elliott e si stava rifondando; le prime difficoltà con Leonardo, poi l'arrivo e il licenziamento di Boban, il flop Giampaolo, le voci su Rangnick e la conferma di Pioli, un mercato controllato, fatto di scommesse giovani (da Theo a Leao passando per Bennacer e Tomori e tanti altri) e di scommesse più vecchie (come Kjaer, Ibrahimovic e Giroud). Il Milan ha scalato velocemente le gerarchie del campionato italiano (tre qualificazioni alla Champions di fila e uno Scudetto) e del calcio europeo (semifinale di Champions nell'annata in corso) puntando su un modello sostenibile, che ha abbassato i costi fino al pareggio di bilancio e che ha fatto aumentare il valore del club sia sul campo che fuori. Fuori dal normale perché in un calcio che ovunque spende e spande, il Milan è riuscito a far bene facendo le cose per bene.

La nuova era
C'è da fare una precisazione. Maldini e Massara, assieme a Pioli e ai calciatori, sono gli artefici sul campo della rapida e bellissima scalata di cui si è appena parlato, ma il Milan è cresciuto anche all'intenso ed efficace lavoro tra le scrivanie, prima di Elliott e di Gazidis e ora, da un anno, di RedBird e di Furlani. Proprio gli ultimi due citati sono coloro che hanno deciso per l'allontanamento di Maldini e Massara e sono loro che ora hanno tutta la responsabilità del futuro del Milan; attraverso un metodo innovativo per il calcio italiano, cercheranno di rinforzare questa squadra assieme all'ausilio di Moncada e ai suggerimenti del 'coach' Pioli: non sarà semplice, ma chiusa un'era (bellissima) ne è iniziata un'altra, con un nuovo che, si spera per il Milan, avanzi.