Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Primo Piano
MN - Cardinale e Furlani in Medio Oriente: il motivo del viaggioTUTTO mercato WEB
mercoledì 21 febbraio 2024, 18:00Primo Piano
di Pietro Mazzara
per Milannews.it

MN - Cardinale e Furlani in Medio Oriente: il motivo del viaggio

Sono stati giorni di lavoro intenso per Gerry Cardinale e Giorgio Furlani nei paesi arabi, laddove il Milan e RedBird coltivano interessi economici importanti. È stata l’occasione per tessere la tela per nuovi contatti di tipo commerciale oltre a rinsaldare quelli già in essere. RedBird, ad esempio, sta per aprire un nuovo ufficio a Riad dopo la sede di Abu Dhabi mentre il Milan ha messo gli occhi su potenziali sponsor dell’area del Middle-East per poter ampliare la sua crescita aziendale, come dimostrano le partnership con SIRO e CFI Financial oltre al contratto, a lunga gittata, con Emirates per lo sponsor di maglia.

Cardinale e Furlani, che hanno lavorato fianco a fianco confermando la sintonia che c’è tra i due, hanno lasciato l’area medio-orientale. Il manager americano è volato verso la California, dove da domani parteciperà a un importante forum internazionale in quel di Miami (QUI i dettagli), mentre Furlani è ripartito alla volta di Milano ed è per questo motivo che domani non sarà a Rennes. In più, la prossima settimana, l’ad milanista sarà tra gli ospiti di Investopia 2024, ad Abu Dhabi. 

Come detto dallo stesso Cardinale al Corriere della Sera, non risultano essere in atto trattative per la cessione del Milan a fondi arabi, ma il fondatore di RedBird guarderebbe con interesse a partnership strategiche - con potenziali investitori di quell'area - come quella sottoscritta con gli Yankees che, lo ricordiamo, hanno un loro rappresentante all'interno del consiglio d'amministrazione del club.