Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Pecci: "Il Milan giocherà anche meglio, ma per ora la Juve è avanti"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 26 febbraio 2024, 22:10News
di Antonello Gioia
per Milannews.it

Pecci: "Il Milan giocherà anche meglio, ma per ora la Juve è avanti"

Presente negli studi della 'Domenica Sportiva', l'ex calciatore Eraldo Pecci s'è così espresso sulla Juventus di Massimiliano Allegri: "Prima della vittoria al fotofinish contro il Frosinone, la Juventus aveva conquistato due punti in quattro partite ed era comunque seconda in classifica. Ha quattro punti in più del Milan che giocherà anche meglio ma per ora la Juventus è avanti. La Juventus deve migliorare nella scelta dei giocatori, ce ne sono alcuni che una volta non si sarebbero nemmeno allenati. Allegri non si è evoluto? Il calcio è più semplice, se c'è Berardi il Sassuolo non ha quella classifica".

Poi in un altro passaggio ha aggiunto: Se andate a vedere il Cagliari di Allegri strabuzzate gli occhi. Con quei giocatori della Juventus farebbe fatica anche Mandrake. Chiesa? È una promessa che non diventa mai realtà, non riesce mai a crescere però Spalletti ha bisogno di lui. Ha le potenzialità per diventare un grande giocatore ma non le ha ancora tirate fuori".

Ieri Giuntoli, prima di Juventus-Frosinone, si era così espresso sul futuro di Allegri: "È un lavoro prospettico e siamo contenti di ciò che sta facendo Allegri. Il mister è contentissimo di restare alla Juventus e noi vogliamo tenere il mister. A tempo debito ci siederemo e parleremo".