Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / L'Avversario
Lazio, una cena per ripartire: Sarri porta la squadra fuori nel giorno di riposoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 29 febbraio 2024, 19:31L'Avversario
di Antonello Gioia
per Milannews.it

Lazio, una cena per ripartire: Sarri porta la squadra fuori nel giorno di riposo

La Lazio prova a compattarsi, dopo la brutta sconfitta (per gioco e atteggiamento) di Firenze ed in vista dei prossimi importantissimi impegni di campionato e Champions League. Prima del ritorno degli ottavi in casa del Bayern Monaco, infatti, i biancocelesti affronteranno il Milan nell'anticipo di domani sera della 27^ giornata di campionato.

Per risollevare lo spirito del gruppo e cercare di fare quadrato, spiega Lalaziosiamonoi, il gruppo squadra nella serata di ieri, nel giorno di riposo, si è ritrovato per una cena organizzata dal tecnico Maurizio Sarri. Con l'intento appunto di ritrovare il giusto spirito e passare qualche ora in serenità dopo le tante polemiche degli ultimi periodi caratterizzati da risultati altalenanti.

Proprio dopo il ko del Franchi di lunedì sera, lo stesso Sarri aveva parlato di una squadra stanca mentalmente oltreché fisicamente. E la cena di ieri potrebbe aiutare proprio nel cercare di recuperare energie mentali e compattezza: "Ho visto una squadra stanca, fisicamente, mentalmente, acciaccata. Siamo andati in campo con tre-quattro giocatori influenzati, giocatori che avrebbero bisogno di tirare il fiato. Troppo piatti di fronte ad un vantaggio immeritato, di fronte ad un rigore sbagliato degli avversari e poi allo svantaggio. Spero sia frutto del calendario e della stanchezza mentale", aveva spiegato Sarri dopo Firenze.