Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Borghi: "Io continuo a ribadire che secondo me nel quinquennio di Pioli nessuno avrebbe fatto meglio di lui"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 22 maggio 2024, 18:40News
di Lorenzo De Angelis
per Milannews.it

Borghi: "Io continuo a ribadire che secondo me nel quinquennio di Pioli nessuno avrebbe fatto meglio di lui"

Nel corso del consueto appuntamento con il podcast di Cronache di Spogliatoio 'Taconazo', il giornalista de DAZN Stefano Borghi ha dato un suo giudizio sull'operato di Stefano Pioli nel suo quinquennio al Milan. Queste le sue dichiarazioni. 

“Parliamo di fatti. Pioli prende un Milan messo molto male. Quanti anni erano che non andava in Champions League? Quanti anni erano che il Milan non vinceva uno Scudetto? Pioli era lì da quanti mesi e il Milan prende 5 gol a Bergamo? 2 mesi, perfetto. Quello è il Milan che prende Pioli. Pioli l’anno dopo fa quello che fa, riporta il Milan in Champions. Pioli vince lo Scudetto, Pioli porta il Milan in semifinale di Champions League. Da quanto era che il Milan non ne giocava una? Pioli arriva secondo anche quest’anno, quindi io continuo a ribadire che secondo me nel quinquennio di Pioli nessuno avrebbe fatto meglio di lui, perché poi, nel frattempo, è cambiata una dirigenza, sono cambiati tanti giocatori, sono andati via giocatori determinanti, sono stati sostituiti anche bene in certi casi, con più difficoltà in certi altri, e in tutto ciò Pioli fa questo cambiamento epocale, e non è un termine esagerato perché l’epoca che stava attraversando il Milan quando è arrivato Pioli era un’epoca di difficoltà nell’arrivare in Europa League. E’ tornata l’epoca del secondo posto, mugugni. Per cui, epocale è sensato. Pioli fa questo cambiamento giocando un gran bel calcio, perché il Milan che vince lo Scudetto è un Milan che vince un calcio coraggioso. Il Milan ha sempre puntatno su questo tranne nei momenti nei quali andava frenando”.