Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Mbappè su Maignan: "Presta attenzione al più piccolo dettaglio. È il numero 1"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 17 giugno 2024, 11:50News
di Francesco Finulli
per Milannews.it

Mbappè su Maignan: "Presta attenzione al più piccolo dettaglio. È il numero 1"

Nei giorni scorsi Kylian Mbappè, capitano e numero 10 della nazionale francese che oggi esordisce agli Europei in Germania contro l'Austria (ore 21), ha rilasciato un'intervista al quotidiano transalpino Ouest-France in cui ha elogiato diversi compagni di squadra. Tra questi anche il portiere rossonero Mike Maignan per cui ha speso parole al miele. Oggi il milanista si appresta a giocare la sua prima partita in un grande torneo, a 29 anni, raccogliendo l'eredità del vecchio capitano Hugo Lloris.

Le parole di Mbappè su Mike Maignan: "Ha cambiato il suo status. È il numero 1. Penso che gli abbia fatto bene, dopo aver imparato con Hugo (Lloris). Non è mai facile succedere a una leggenda. L’errore più grande sarebbe provare a seguire le sue orme. Mike deve creare la sua strada e ha iniziato bene. Ha tanto da fare con i Blues e se continua così penso che gli andrà bene. Ciò che risalta in lui è che presta attenzione al più piccolo dettaglio, in tutto ciò che fa. Sulle punizioni, ad esempio, dice a tutti esattamente dove posizionarsi. Vuole che tutto sia al suo posto, senza lasciare il minimo dubbio. Ed è lo stesso nella vita. Con Mike è sempre tutto a posto. Nello spogliatoio parla spesso. I ragazzi lo ascoltano, aiuta il gruppo. Penso che sia un bisogno per lui. Fa parte della sua routine entrare nel suo match"