Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Serie A
Calvarese: "Giroud-Holm non era rigore. A Open Var si giustificano sempre gli arbitri"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 27 febbraio 2024, 12:08Serie A
di Ivan Cardia

Calvarese: "Giroud-Holm non era rigore. A Open Var si giustificano sempre gli arbitri"

"Var, regna la confusione". Sulle pagine di Tuttosport, l'ex arbitro Gianpaolo Calvarese commenta così una stagione complicata a livello di decisioni e polemiche arbitrali. "A sette anni dall’introduzione del VAR in Serie A, questo strumento avrebbe dovuto restituire credibilità e soprattutto certezza - scrive l'ex fischietto teramano - trascorso questo tempo, l’utente medio dovrebbe capire istintivamente quali episodi siano da VAR e quali no. Invece regna la confusione, la condizione peggiore.

Occorre tornare al concetto da cui si era partiti: il chiaro ed evidente errore. Il mancato intervento di Orsato in campo per il contatto Giroud-Holm è un chiaro ed evidente errore? Sono convinto che se interrogassimo 100 addetti ai lavori (calciatori e allenatori), quasi nessuno lo giudicherebbe da rigore.


Dalle immagini si vede chiaramente come Giroud provi a fermarsi, ed è per quello che Orsato non fischia inizialmente. L’episodio è difficile, sicuramente, ma si è sempre detto che l’intensità è un parametro che deve essere valutato dal campo e non al monitor. Il regolamento d’altronde introduce concetti come l’imprudenza o la noncuranza, proprio perché di un contatto non può essere ignorata l’intensità.

Di oggettivo devono rimanere poche circostanze: il fuorigioco, il gol-non gol, il braccio posizionato sopra alla spalla. Tutto il resto, a mio avviso, è interpretabile e deve rimanere tale. […] La mia impressione, inoltre, è che si voglia sempre giustificare ex post l’operato arbitrale, errori compresi. Questo accade spesso anche in Open Var, che credo sia comunque un format da lodare, dato che ha aperto alla trasparenza del mondo arbitrale, qualora ce ne fosse stato bisogno".