Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Serie A
Leao sul razzismo: "Noi calciatori dobbiamo fare qualcosa". E parla delle criticheTUTTO mercato WEB
lunedì 4 marzo 2024, 14:15Serie A
di Tommaso Bonan

Leao sul razzismo: "Noi calciatori dobbiamo fare qualcosa". E parla delle critiche

Rafael Leao è stato ospite della redazione del Corriere della Sera. Un'occasione per l'attaccante e numero 10 del Milan per raccontarsi a margine della pubblicazione del suo primo libro "Smile". Recentemente Leao ha subito insulti razzisti su Instagram, appena poche settimane dopo quelli dei tifosi dell'Udinese all'indirizzo di Mike Maignan. Un tema a cui il portoghese è sensibile.

Il pensiero di Rafael Leao sul tema del razzismo: "Il razzismo è ovunque, purtroppo. Ecco perché noi calciatori dobbiamo provare a fare qualcosa, visto che abbiamo tanta popolarità. Dobbiamo sfruttare questa forza, mandando messaggi. Il Milan è molto sensibile a questo tema. Anche nella vicenda di Magnan a Udine si è visto. Abbiamo fatto bene a comportarci così, giusto uscire dal campo. Tatuaggi con frasi di Luther King e Mandela? Per noi neri, sono due grandi uomini che hanno combattuto fino alla fine per far capire che siamo tutti uguali, indipendentemente dal colore della pelle. Ho voluto che il loro messaggio fosse su di me per sempre. Ho tanti sogni, uno di questi è un mondo senza razzisti".


Così Rafael Leao ha parlato delle critiche che spesso riceve: "Le critiche mi caricano sempre. A volte mi fanno arrabbiare, ma solo se non sono costruttive. Mi dispiace se sono fatte solo per provocarmi. Spesso mi chiedo: ma questo capisce di calcio? Sono emotivo, anche se non lo do a vedere. Comunque queste cose mi rendono più forte. Io so dove posso arrivare"