Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / milan / Calcio estero
Barcellona-Elche 3-0, le pagelle: Kessié gira a vuoto, cambiate difficoltà a LewandowskiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Newspix/Image Sport
sabato 17 settembre 2022, 18:20Calcio estero
di Patrick Iannarelli

Barcellona-Elche 3-0, le pagelle: Kessié gira a vuoto, cambiate difficoltà a Lewandowski

Risultato finale: Barcellona - Elche 3-0

BARCELLONA

Ter Stegen s.v. - Viene inquadrato pochissime volte dalle telecamere, ogni tanto si prende il lusso di uscire per partecipare all’azione e non rimanere solo nella propria area.

Koundé 6,5 - Passa la sua partita in attacco, si inserisce coi tempi giusti, insieme a Dembélé si diverte soprattutto nel secondo tempo.

Araujo 6,5 - Gioca praticamente da centrocampista, ma quando c’è da alzare lo scudo non fa passare nulla. Nelle diagonali è ai limiti della perfezione.

Garcia 7 - Pulito in ogni intervento, preciso e puntuale come un orologio svizzero. Quando può si spinge in attacco e prova a scardinare la difesa dell’Elche. (Dal 59’ Bellerin 6 - Buon approccio al match, Xavi gli concede una buona mezz’ora).

Balde 7 - Sulla corsia mancina è un’iradiddio. Appena affonda crea pericoli e sforna assist, l'Elche non riesce a bloccarlo in nessun modo.

Kessié 5,5 - La sua partita inizia con una sbracciata un po’ troppo violenta, gioca col giallo e rischia parecchio. Xavi lo cambia per evitare il peggio. (Dal 46’ Gavi 6,5 - Si piazza in mediana e il palleggio inizia ad avere maggior qualità. Come al solito).

De Jong 6,5 - Il contapalloni si rompe già nel primo tempo. Il gioco del Barcellona passa tutto dai suoi piedi, appena fiuta un varco cerca la rete dalla distanza. Alla fine gli manca soltanto l'assolo.

Pedri 6 - Solo il VAR gli nega la gioia personale. Per il resto del match si vede pochissimo, fa il compitino senza mai strafare.

Dembélé 7 - Forse ha davvero capito che per essere un fenomeno ci si deve allenare con serietà e costanza. Sembra un altro giocatore, diventa pericoloso su ogni pallone. (Dal 59’ Raphinha 6 - Galleggia sulla linea dei difensori, si butta su tutte le azioni offensive dei suoi).

Lewandowski 7,5 - Una sentenza, ha quasi stufato per la costanza con cui segna. Gli bastano 34’ per sbloccarsi, poi dilaga insieme ai suoi. Non sarebbe meglio cambiare la difficoltà? (Dal 72’ Ferran Torres 5,5 - L’approccio non è di quelli giusti, prende subito il giallo. Poi prova a combinare qualcosa, ma non trova il gol).

Depay 7 - Un po’ fumoso all’inizio del match, poi inizia a macinare gioco come sa fare. Da manuale la girata sula seconda rete: finta a sinistra e contro movimento a destra, il mancino è imparabile, il gol è da fenomeno. (Dal 59’ Ansu Fati 5,5 - Forse ha avuto ragione Luis Henrique a non convocarlo: si vede che non sta bene, deve alzare l'asticella).

Xavi Hernandez 6,5 - I suoi vanno col pilota automatico, il rosso poi cambia la gara in meglio: si limita a dare consigli, fa qualche esperimento nella ripresa.

ELCHE

Badia 6 - Un’imprecisione sulla terza rete azulgrana, ma se la partita non diventa una mattanza già nel primo tempo è grazie ai suoi interventi.

Palacios 5 - Baldé lo maltratta a ripetizione, poi ci si mette anche Depay: non ne prende una, passa il tempo a rincorrere gli avversari.

John Donald 4,5 - Lasciato al massacro, Lewandowski fa quello che gli pare dalle sue parti. Imbarazzante, come tutta la difesa.

Verdù 4 - L’istinto è difficilmente controllabile, ma aggrapparsi a un avversario lanciato in campo aperto può portare a una sola cosa: rosso diretto. Decisione giusta, proteste inutili.

Bigas 4,5 - Dalla parte opposta forse va anche peggio rispetto alla catena di destra: Dembélé fa quello che vuole, passa praticamente sempre. Dal 78’ Diego Gonzalez s.v.

Clerc 5 - Il numero 7 dei catalani da quelle parti fa i solchi a terra, nemmeno in due riescono a tenerlo. Con la marcatura a uomo la situazione peggiora notevolmente.

Tete 5 - Si piazza a protezione, ma le ali del Barcellona fanno quello che vogliono. Sbaglia parecchio pure in ripartenza. (Dal 68’ Ponce 5,5 - La musica non cambia, tocca pochissimi palloni).

Raul Guti 5,5 - Un paio di palloni intercettati e qualche strappo, ma poi si eclissa. Il rosso cambia pure la sua partita, fa più il difensore che il centrocampista. (Dal 53’ Nico Fernandez 6 - Almeno ci mette la cattiveria giusta).

Gumbau 5 - Regge per mezz’ora, poi si piazza in mediana e si fa colpire dagli assalti dei padroni di casa.

Fidel 4,5 - Esce con circa 50’ minuti di ritardo. Dembélé gli passa accanto, lui nemmeno si oppone. (Dal 53’ Quina 5 - Anche in questo caso l'ingresso in campo di forze fresche non cambiano un copione già scritto).

Boyè 5,5 - Una lotta infinita coi centrali del Barcellona, ma viene lasciato solissimo. La cattiveria agonistica non manca, il problema è che non basta. (Dal 68’ Josan 5 - Si vede durante l'ingresso in campo, poi sparisce).

Francisco Rodriguez 5 - È pur vero che l'espulsione dopo 14' cambia tutto, ma già l'atteggiamento è sbagliato: si presenta al Camp Nou arroccato in difesa, non riesce a tenere in mano la partita.