Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Osimhen giura amore al Napoli: "Non esiste un posto simile, per questo tutti ci restano a lungo"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 23 marzo 2023, 18:00Serie A
di Giacomo Iacobellis

Osimhen giura amore al Napoli: "Non esiste un posto simile, per questo tutti ci restano a lungo"

Victor Osimhen, attaccante del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Elegebete Tv Sports per commentare la sua avventura in Serie A e non solo. Queste le sue principali dichiarazioni: "Ho avuto tanti problemi da quando sono arrivato in Europa. In Germania ebbi un intervento chirurgico per tre volte al ginocchio destro. Poi un problema alla spalla che pure ha richiesto un intervento chirurgico. Queste cose che ho passato mi hanno fatto diventare quel che sono oggi, poi quando mi sono trasferito in Italia è stato tutto diverso. Ho avuto il Covid, un infortunio alla mano destra che mi ha tenuto fuori per tre mesi ed è stato un momento difficile. Ma ho sempre creduto in me stesso e sapevo che sarei tornato più forte.

Sul suo ritorno dagli infortuni: "Tutte queste cose hanno definito la mia carriera e la mia vita. Sapevo che quando sarei tornato avrei potuto realizzare i miei desideri e mettere a tacere chi non credeva in me. La scorsa stagione ho avuto un brutto infortunio al volto, è stato un brutto momento e anche in questo caso ho dovuto subire un intervento chirurgico. È stata dura per me, ma mi sono circondato dei miei cari e questo mi ha aiutato a guarire più velocemente. Sono felice di avere oggi una maschera che mi protegga".

Sul suo rendimento attuale: "Ora sono estremamente orgoglioso di me stesso, sto collezionando dei numeri pazzeschi e questo è un bene per me e per il Napoli, la mia squadra. Ora siamo in corsa per diventare campioni e festeggiare. Darò tutto me stesso nelle prossime partita per assicurarmi che i miei sogni si avverino, non vedo l'ora! Lo Scudetto sta diventando realtà".

Su Spalletti: "Mi piace perché ha il mio stesso tipo di mentalità: non crede che sia fatta finché non è davvero fatta. E questo l'ha trasmesso a tutto lo spogliatoio. In allenamento stiamo lavorando ancora più duramente, come se dovessimo salvarci. È questa la chiave, il segreto, la mentalità di tutta la squadra. E chi come me è al Napoli da più tempo, come Di Lorenzo o Mario Rui, sta cercando di entrare nella testa dei compagni per far capire loro cosa abbiamo passato le scorse stagioni, dove giocavamo, come vivevamo, cosa significa giocare e vincere qui. Questa è la mentalità giusta, ora che il sogno sta iniziando a diventare realtà possiamo sperarci, ma dobbiamo fare bene nelle prossime gare per diventare campioni".


Sulla tifosa da lui colpita a La Spezia: "Ho calciato la palla troppo forte, lei non ha visto arrivare il pallone e l'ho colpita. Ho visto che era una signora, poteva essere mia madre, mi sono sentito male. Volevo rassicurarmi che fosse tutto ok, volevo mostrare il mio dispiacere e sono felice che lei abbia accettato le mie scuse. Mi ha detto che è una cosa normale quando vai allo stadio, ma io ero molto dispiaciuto".

Sulla bandiera personalizzata al Maradona: "Sì, ho visto un signore sventolare questa bandiera con la mia faccia allo stadio. È incredibile il supporto e l'amore che ricevo dalle persone, che mi dimostrano ogni giorno. Non lo dimenticherò mai. Me lo dimostrano in ogni modo, con una canzone, con una preghiera. Sono cose che non dimenticherò mai. Quando vede questo cose mi limito a dire che voglio fare davvero qualcosa di straordinario per ricambiare tutto questo amore. Ho cercato il ragazzo che aveva la mia bandiera. L'ho visto dopo la partita con l'Atalanta, gli ho regalato la mia maglia e abbiamo parlato un po'".

Sulla maschera protettiva: "È diventata parte della mai identità, insieme ai capelli biondi. Sono state fatte molte iniziative divertenti a Napoli col mio volto, anche i miei compagni mi mandano foto e video. È una sensazione incredibile sentire di essere fonte d'ispirazione con questa maschera e sono davvero felice. Penso che terrò la maschera per loro".

Napoli come Lagos? "Napoli è una città diversa, ti dà sensazioni completamente differenti rispetto a ogni altro posto. Quando giochi lì capisci perché molti calciatori decidono di restarci per parecchio tempo: a Napoli dimostrano un amore incredibile e in maniere incredibile ai calciatori. Non ho mai visto nulla di simile prima in vita mia. In città c'è un murales enorme di Maradona e questo dimostra che quando fai tanto per questo popolo lo rendi felice. E puoi essere sicuro che loro ti supporteranno sempre. Ogni volta che mi faccio male o sbaglio un gol loro continuano a cantare il mio nome, questo non è scontato. Sono riconoscente nei confronti dell'amore che mi danno. L'unico modo che ho per ripagarli è renderli felici in campo, realizzando il loro sogno che ora sta diventando realtà. Farò di tutto".