Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
TMW - Ulivieri: "Spalletti come Michelangelo. Chissà quante volte avrà pensato 'perché non parli'"TUTTO mercato WEB
© foto di Lorenzo Marucci
lunedì 29 maggio 2023, 17:04Serie A
di Tommaso Maschio
fonte Alessio Del Lungo

TMW - Ulivieri: "Spalletti come Michelangelo. Chissà quante volte avrà pensato 'perché non parli'"

Il presidente degli allenatori Renzo Ulivieri ha parlato nel corso dell'evento "Inside the Sport 2023, il calciomercato tra business e passione" in svolgimento a Coverciano per parlare di Luciano Spalletti fresco di vittoria dello Scudetto con il Napoli: "Siamo qui a parlare di un allenatore del quale è stato detto tanto, io di lui ne parlo ai ragazzi che frequentano i corsi e gli dico che se sarete bravi e fortunati può darsi che vi capiti in panchina di vedere la vostra squadra e, citando un personaggio delle nostre parti (Michelangelo Buonarroti NdR), dire 'perché non parli'. E credo che a Luciano tante volte quest'anno sia venuto questo pensiero. - continua Ulivieri parlando di come è cambiata la figura dell'allenatore - La figura si è evoluta andando indietro ai tempi che sono cambiati dentro e fuori dal campo, oggi ti trovi a parlare tante lingue e non sai da che parte rifarti. Prima succedeva che magari un giocatore straniero arrivasse e non volesse imparare l'italiano. Mi capitò con l'inglese Trevor Francis che mi disse che a lui bastava la sua lingua e che in italiano aveva bisogno solo di sapere se era marcato da un uomo o meno. Torno a citare Luciano che mi raccontava di quando era in Russia e doveva cercare di parlare ai suoi giocatori utilizzando un certo linguaggio cercando nel contempo di insegnare loro il proprio. In modo che quando diceva 'buttala là' tutti sapevano cosa fare".