Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / A tu per tu
…con Cristian BucchiTUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/TUTTOmercatoWEB.com
martedì 18 giugno 2024, 00:04A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Cristian Bucchi

“Il Napoli e i casi Di Lorenzo e Kvaratskhelia? Il calcio è un mondo troppo veloce però dei fasti dello Scudetto ad un’epurazione si è perso qualcosa. È brutto vedere che il capitano parli di addio insanabile, così come Kvaratskhelia. C’è amarezza, le difficoltà potevano starci ma non così”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex attaccante azzurro, oggi allenatore, Cristian Bucchi.

Come finirà il caso Di Lorenzo?
“Ha dato tanto, tutto, al Napoli. Se questa storia deve finire, che finisca bene. Spero che il nuovo corso di Conte rassereni un po’ l’ambiente”.

E Kvara?
“Ci sono due questioni: l’aspetto economico del suo contratto e le offerte che si leggono. Non arriva ancora il rinnovo e ci può stare che pensi che al PSG va a guadagnare quattro-cinque volte e quindi voglia migliorare sul piano economico”.

Che Napoli sarà?
“Mi aspetto una squadra feroce. Conte porterà ferocia, cattiveria e poca intenzione di gestire. Sarà un Napoli meno bello rispetto a quello di Spalletti, ma feroce”.

Il Milan ha scelto Fonseca tra lo scetticismo generale.


“Fonseca è un bravo allenatore. Alla Roma mi era piaciuto. Mi piaceva anche Pioli. Non vedo un salto di qualità clamoroso ma bisognerà vedere anche il mercato”.

E la Juve?
“Sono curioso di vederla. Era una squadra quadrata, cinica, ma non da strapparsi gli occhi. Thiago Motta è riuscito a creare un impianto di gioco divertente e prolifico, sono curioso di vederlo alla Juventus”

De Rossi partirà dall’inizio con la Roma.
“Può dare uno stampo suo a questa squadra. È stato bravo ad adattarsi. Sono curioso adesso di vedere che squadra sarà e di vedere Ghisolfi all’opera”.

E la B mister?
“È il campionato della squadra. In A e in C le individualità sono determinanti e spostano gli equilibri. In B conta lo spirito della squadra, faccio l’esempio del Cittadella che è il manifesto della categoria. Poi ci sono le retrocesse: spesso c’è la presunzione di vincere ma non è così. E sono curioso di vedere le neopromosse. Dal Mantova alla Carrarese”.

Cristian Bucchi torna in pista?
“Ho il fuoco dentro, non vedo l’ora di tornare in campo ad allenare”.