Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / In Primo piano
Mazzarri a Prime: "Serviva più attenzione sul 2-2, ma c'era la sensazione di poterla vincere! Su Osimhen..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 29 novembre 2023, 23:34In Primo piano
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Mazzarri a Prime: "Serviva più attenzione sul 2-2, ma c'era la sensazione di poterla vincere! Su Osimhen..."

Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, dopo la sconfitta in Champions League sul campo del Real Madrid è intervenuto al microfono di Prime Video

Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, dopo la sconfitta in Champions League sul campo del Real Madrid è intervenuto al microfono di Prime Video: "Prima di prendere il 3-2 avevamo creato 2-3 presupposti per poterla vincere e andare in vantaggio. Sono contento della prova in generale. Sapevamo che il Real Madrid in ripartenza è micidiale. Quando sei in vantaggio è normale che tenti il tutto per tutto e concedi qualcosa in più, sul 2-2 si poteva stare più attenti e non farli ripartire. Stavamo giocando veramente bene, avevo la sensazione che potessimo andare in vantaggio".

Cosa c'è in quell'abbraccio con Anguissa e tutto il gruppo? "Ho trovato un gruppo eccezionale, unito, che ha voglia di allenarsi e stare insieme. Penso che qui si possa fare davvero bene perché quando ci sono anche i valori umani si può fare bene".

Osimhen un tempo, il secondo: era programmato? "Sì, era programmato. Era rientrato con l'Atalanta e aveva 20-25' di autonomia a Bergamo, oggi avevamo pensato di fargli fare un tempo per recuperarlo per l'Inter e le gare successive. Non si poteva rischiare un risentimento e per questo l'inserimento è stato graduale".