Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Sacchi alla Gazzetta: "Inter favorita per lo scudetto se gioca sempre come a Napoli"TUTTO mercato WEB
lunedì 4 dicembre 2023, 11:40Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Sacchi alla Gazzetta: "Inter favorita per lo scudetto se gioca sempre come a Napoli"

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha parlato del match tra Napoli e Inter vinto dai nerazzurri per 0-3

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha parlato del match tra Napoli e Inter vinto dai nerazzurri per 0-3 soffermandosi in particolare sulla squadra di Inzaghi.

Questa è una vittoria che assomiglia a una spallata, è d’accordo?
"Non ho difficoltà a dire che, se gioca come ha fatto a Napoli, l’Inter è la favorita per lo scudetto. Però, se interpreta le partite come le è capitato a Torino contro la Juve, allora tutto può tornare in discussione. Juve-Inter, a livello di spettacolo, è stata una sfida che ha ammazzato il calcio; questo Napoli-Inter, invece, ha acceso l’entusiasmo".

Il pericolo maggiore per l’Inter?
"Quello di sentirsi già arrivata. È un rischio che si corre dopo prestazioni come quella di Napoli. I nerazzurri, invece, devono considerare questo successo un punto di partenza. Penso che, se insisterà su questa strada e se Simone Inzaghi riuscirà a renderla ancora più coraggiosa, per l’Inter si possano aprire spazi anche a livello internazionale. Hanno dato una prova di forza notevole, ora devono continuare a tenere il piede sull’acceleratore senza pensare di essere dei fenomeni".