Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Orsi: “Allegri sarebbe stato perfetto per il post-Spalletti”TUTTO mercato WEB
venerdì 8 dicembre 2023, 16:30Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Orsi: “Allegri sarebbe stato perfetto per il post-Spalletti”

Nando Orsi, ex portiere e allenatore, è intervenuto a ‘Giochiamo D’Anticipo’ su Televomero

Nando Orsi, ex portiere e allenatore, è intervenuto a ‘Giochiamo D’Anticipo’ su Televomero: “Se conferirei la cittadinanza onoraria ad ADL? Per me meriterebbe anche di più per tutto quello che ha fatto: ha preso il Napoli dalle macerie, comprato calciatori e riportato il club a vincere. A Spalletti questo premio è stato dato, giustamente, per la vittoria dello Scudetto. ADL lo meriterebbe altrettanto perché sono 20 anni che vive questa città.

Juventus? I bianconeri non sono travolgenti, ma sono una squadra che in qualche modo riesce sempre a vincere con il minimo scarto. Con l’Inter il Napoli ha avuto un crollo più fisico che psicologico, nel primo tempo si doveva fischiare il fallo su Lobotka e si andava al riposo sullo 0-0. Sul rigore non mi sbilancio. L’Inter è una grande squadra e andare sotto di due reti contro una formazione così rende complicata una rimonta. Barella ha fatto un gol da grande giocatore.

Il Napoli non mi sembra più abituato a giocare con il 4-3-3 e come condizione non è al massimo, si potrebbe pensare a un sistema di gioco più accorto e magari anche all’ipotesi di un modulo a 3. Anche con Spalletti, contro avversari più rognosi, si è optato per scelte simili. Gli azzurri non possono essere considerati favoriti: gli uomini sono gli stessi dell’anno scorso, ma non ci sono l’atteggiamento, il gioco e i risultati del precedente campionato.

Allegri come allenatore per il post-Spalletti? Sarebbe stato perfetto.

Gara svolta a Torino? Io non posso immaginare, nonostante quanto accaduto in questo inizio di stagione, che i calciatori possano aver dimenticato come si gioca e fornire prestazioni così scialbe”.