Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
De Biasi: "Altro che costruzione dal basso, col Frosinone che pressa devi lanciare su Osimhen!"TUTTO mercato WEB
© foto di Lorenzo Marucci
lunedì 15 aprile 2024, 17:20Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

De Biasi: "Altro che costruzione dal basso, col Frosinone che pressa devi lanciare su Osimhen!"

Gianni De Biasi, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli

Gianni De Biasi, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “La costruzione dal basso serve quando pensi di avere dei vantaggi per stare in superiorità numerica in fase d’impostazione. Se hai dei giocatori che non sono abili tecnicamente devi tirare la palla lunga e vai a prenderti la seconda palla. Oggi si vuole forzare esageratamente questo concetto della costruzione dal basso. Ci sono diverse strategie, poi può starci l’errore singolo.

Ieri Meret ha dormito un po’ ed è stato chiuso e poi l’ha pagata. Se il portiere tergiversa e non prende una decisione, però, è perché qualcuno non s’è mosso per ricevere il passaggio. Quando costruisci dal basso costringi gli avversari ad uscire dalla propria metà di campo e questo può darti dei vantaggi. Ieri avrei buttato la palla lunga su Osimhen ricercando la seconda palla. I due centrali difensivi si devono allargare quando il portiere ha la palla e i due esterni devono allargarsi ancora di più, mentre si deve abbassare un centrocampista andando incontro al portiere. Il ‘non siamo una squadra’ di Calzona? Non è ancora riuscito a trasferire dei concetti fondamentali e lapalissiani. Io l’ho letta così. Calzona è a Napoli da pochissimo tempo, non è facile avere la possibilità di variare le strategie”.