Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Bucciantini: “Il campionato italiano non è attrattivo per i calciatori”TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 9 giugno 2022, 17:20Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Bucciantini: “Il campionato italiano non è attrattivo per i calciatori”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Marco Bucciantini

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Marco Bucciantini: “Una volta il calciomercato ci sorprendeva di più. Tante squadre sono all’inizio della campagna acquisti, ma il campionato italiano continua a non essere tanto attrattivo. Per ora se n’è andato Perisic. C’è anche Bastoni che forse va via. Perisic aveva offerte dalla Juventus e per il rinnovo dall’Inter, ha scelto il Tottenham in Premier League. Io penso che il Napoli potrebbe migliorarsi facendo una campagna acquisti che siano utili per il modo di giocare. La linea dietro Osimhen sta cambiando tutta dopo tanti anni che era sempre simile.

Il mercato? Col Milan è stato il mercato delle idee. Sono 5 anni che nel campionato italiano le 7 qualificate alle coppe europee sono sempre le stesse, oltre la Fiorentina quest’anno. Ditemi voi nell’organico del Milan chi è il più pagato e vedete che tipo di vittoria è la loro. Nella squadra che andava in campo se ci toglievi Giroud il più anziano era il portiere di 26 anni. Io penso che in questo momento nel calcio italiano le idee facciano la differenza. È un momento in cui contano le idee della società e degli allenatori. Penso che sarà così ancora per un po’ di tempo.

Rivoluzione nella Nazionale? Mancini ha indicato una strada. In Italia un diciottenne non è un giocatore, ma uno delle giovanili. Nelle altre culture è una cosa buona aggiungere giovani alla prima squadra. A noi non ci ha eliminato la Macedonia, perché saremmo probabilmente usciti col Portogallo. Siamo usciti con i pareggi nel gruppo che era da vincere. Non potendo più comprare italiani forti, nel calcio italiano abbiamo preso stranieri deboli”.