Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Del Genio: “Sul mercato bisogna accelerare, in ritiro può esserci una situazione destabilizzante”
domenica 26 giugno 2022, 20:00Le Interviste
di Antonio Noto
per Tuttonapoli.net

Del Genio: “Sul mercato bisogna accelerare, in ritiro può esserci una situazione destabilizzante”

"Non vedo squadre che si stanno rafforzando in una maniera tale da essere inarrivabili”.

Paolo Del Genio, giornalista di Tele A e Radio Kiss Kiss Napoli, è intervenuto ai microfoni di ‘Radio Goal’: “Sarà difficile per il Napoli, così come lo sarà un po’ per tutte le squadre, chiudere le tante operazioni che ha avviato. Per quanto è difficile credo che sia necessario accelerare a cavallo dei ritiri pre-campionato, infatti quest’anno le società non possono non tenere conto che i ritiri arrivano ad un mese e non a due mesi dall’inizio della stagione. Saranno allenamenti propedeutici alle partite ufficiali e quindi bisognerà farli con i calciatori che giocheranno le gare. Prima della sosta del Mondiali il Napoli giocherà 21 partite in 3 mesi, immagino che serviranno minimo 18-20 giocatori. Non conoscere il destino di parecchi giocatori quando inizia il ritiro può essere abbastanza destabilizzante quest’anno.

L’Inter con Lukaku diventa di nuovo la grandissima favorita, anche se il belga è reduce da una stagione non positiva così come Pogba e Di Maria. Questi giocatori hanno un grande nome e un grande impatto mediatico, quando arrivano in un club fanno pensare ad un grandissimo salto in avanti per le società che li acquistano. Però poi l’Inter deve fare i conti con le partenze di Perisic e Skriniar, che sono stati tra i migliori giocatori degli ultimi anni dei nerazzurri. Non vedo squadre che si stanno rafforzando in una maniera tale da essere inarrivabili”.