Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
“Questa è la fine”, il retroscena di Santon sulle visite mediche non superate col NapoliTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 27 settembre 2022, 16:30Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

“Questa è la fine”, il retroscena di Santon sulle visite mediche non superate col Napoli

Davide Santon, ex giocatore di Inter e Roma ritiratosi pochi giorni fa, ha rilasciato un’intervista Tuttosport in cui ha raccontato le varie tappe della carriera

Davide Santon, ex giocatore di Inter e Roma ritiratosi pochi giorni fa, ha rilasciato un’intervista Tuttosport in cui ha raccontato le varie tappe della carriera: “Le mie ginocchia sono distrutte. Non potevo continuare, avrei rischiato le protesi. Non potevo più garantire un tot di partite, ero sempre a rischio infortunio, avevo paura a spingere, non mi divertivo più. Dopo una stagione così, perdi le motivazioni e il tuo corpo ti dice basta. Rischio protesi? Si, ho le ginocchia distrutte. Probabilmente a 50 anni dovrò metterle comunque. Per il calcio ho dato tutto, ho sacrificato il mio corpo. Mourinho? Lui è stato quello che mi ha lanciato e con cui ho finito. Con le parole è il numero uno, si fa voler bene”.

Sulle visite mediche non superate con il Napoli: “Quando succedono queste cose è sempre dura. Pensi: “Questa è la fine”. Poi ti rimbocchi le maniche e lavori ancora più sodo. Infatti poi sono andato alla Roma, partito come quinto terzino spesso e volentieri ero titolare: il lavoro paga sempre”.