Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Ferrieri Caputi: "Giudicatemi come arbitro, non come donna"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 4 ottobre 2022, 11:00Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Ferrieri Caputi: "Giudicatemi come arbitro, non come donna"

"Penso alla difficoltà di una maternità - dice Maria Sole -, e lo dico in maniera sana, perché ora come ora non ci penso".

L'esordio? "Bellissimo, me lo avevano detto, non ci ho creduto, almeno fino a quando non sono entrata sul terreno di gioco" spiega Maria Sole Ferrieri Caputi, la prima donna arbitro della nostra Serie A che domenica scorsa, in occasione di Sassuolo-Salernitana, ha fatto il suo esordio nel maggiore campionato italiano. Lei, che diventa una pioniera del movimento arbitrale femminile, spiega alle colonne del Corriere dello Sport: "Le rinunce sono continue. E non finiranno qui.


Penso alla difficoltà di una maternità - dice Maria Sole -, e lo dico in maniera sana, perché ora come ora non ci penso. In un futuro, mi piacerebbe, ora forse non sono pronta, non è un peso. Però spesso ci troviamo davanti ad una scelta, non imposta da qualcuno, ma essendo delle sportive, tendiamo a rimandare famiglia e figli. Anche su questo si potrebbe fare un passo in avanti. Fra colleghe ci confrontiamo, è comunque un tema al quale ci troviamo davanti quotidianamente. I nostri sacrifici vanno anche pesati rispetto ad alcune rinunce, o scelte, che gli uomini non devono fare". In un mondo "maschile" la Ferrieri Caputi è riuscita a farsi strada e a trovare il suo spazio, ma chiede di essere giudicata come arbitro e non come donna: "Per una società più evoluta - spiega -. Giudicate per il proprio lavoro e non per come ci si veste o ci si comporta".