Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Biasin: “Il vero limite che può avere il Napoli è capire se ADL riuscirà a fare una cosa mai fatta”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 6 ottobre 2022, 23:40Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Biasin: “Il vero limite che può avere il Napoli è capire se ADL riuscirà a fare una cosa mai fatta”

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio, è intervenuto Fabrizio Biasin, giornalista di Libero

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio, è intervenuto Fabrizio Biasin, giornalista di Libero: "Il Napoli ci sorprende clamorosamente partita dopo partita. Quest’estate ero tra i tanti che dicevano ‘mah’, invece al momento sembra una corazzata. Non si vedono difetti, anzi, l’impressione è che può ancora crescere. È vero che è prestissimo ed è vero che post Mondiale bisognerà fare altri ragionamenti, ma è anche facile dire che c’è una squadra nettamente migliore degli altri.

Il Napoli quest’anno è forte, anche l’anno scorso lo è stato, ma anche quello che perde col Verona con Gattuso, l’ho visto giocare un gran bel calcio ad un certo punto della stagione. Il vero limite che può avere è capire se, a monte, De Laurentiis riesce a fare una cosa che non ha mai fatto: sopportare il momento di difficoltà. Tendenzialmente, è in quei momenti che sbaglia in qualcosa e trascina nel suo nervosismo anche la squadra. Spalletti all’epoca dell'Inter? È sempre una garanzia, ti garantisce l’obiettivo stagionale ed è tantissimo. Siccome è bravo, l’anno scorso doveva partire per fare il quarto posto, e dopo averlo garantito dopo tre mesi, gli hanno chiesto lo scudetto. Poteva vincerlo, ma bisogna sempre ricordarsi da cosa si parte. Lo step in più dipende da chi gli sta intorno, non da lui. A me è sempre piaciuto e a Milano ha perso il treno perché ad un certo punto Marotta ha chiesto il salto di qualità con Conte”.