Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / parma / News
Di Chiara: "Grandi difficoltà per i club di blasone in questa B. A Parma il mio apice in carriera"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 1 dicembre 2022, 20:26News
di Alessandro Tedeschi
per Parmalive.com

Di Chiara: "Grandi difficoltà per i club di blasone in questa B. A Parma il mio apice in carriera"

L'ex difensore crociato Alberto Di Chiara, si è concesso ai microfoni di CalcioCasteddu per una chiacchierata in vista della sfida tra Parma e Cagliari di sabato: "La Serie B in corso rappresenta uno dei tornei più difficili degli ultimi anni, competizione che è sempre stata complicata. Però prima era più semplice fare dei pronostici: oggi invece il calcio italiano si è livellato parecchio e verso il basso. Alcuni club di blasone, come ad esempio Cagliari e Parma, stanno trovando grandi difficoltà anche per questo“.

Sulle difficoltà nel risalire dalla B alla A: "I ducali, con l’arrivo della proprietà americana, hanno fatto fatica e purtroppo è arrivata pure una retrocessione. Ora stanno risalendo la china, ma non è semplice. Ne sa qualcosa il Cagliari, che sta arrancando dopo la caduta di alcuni mesi fa. Liverani conosce bene la categoria, Pecchia è un tecnico equilibrato: cercheranno di portare le rispettive squadre il più in alto possibile“.

Infine sulla sua esperienza in maglia crociata: "Parma ho vissuto l’apice della mia carriera. 5 anni e 4 coppe conquistate. Ho esordito da professionista nel 1981 e chiuso nel 1997, avendo la possibilità di vivere il periodo più bello del nostro calcio con quei due decenni meravigliosi. Era una Serie A di grandissimo livello, si giocava contro avversari stellari. Il Milan degli olandesi, il Napoli di Maradona, la Sampdoria di Mancini e Vialli… tanti campioni che nemmeno ebbero la possibilità di giocare in Nazionale".

LEGGI QUI - Nuovo Tardini, Poleis coordinatore. 1000 posti in più e migliorie in linea con parametri UEFA