Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / parma / Nato Oggi...
Zlatan Ibrahimovic, il Dio che ha riportato il Milan allo scudetto. Con la Champions mancanteTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 3 ottobre 2022, 05:00Nato Oggi...
di Lorenzo Di Benedetto

Zlatan Ibrahimovic, il Dio che ha riportato il Milan allo scudetto. Con la Champions mancante

503 gol in 836 partite con le squadre di club, 62 in 118 con la maglia della Nazionale svedese. Questo il bottino della carriera, fino a questo momento, per Zlatan Ibrahimovic. Una storia sportiva ricca di successi quella del 'Dio', come si è spesso autoproclamato l'attaccante. Ma che deve convivere con l'ossessione chiamata Champions League, visto che non è mai riuscito a vincerla. Nato a Malmo, ha iniziato a giocare tra i professionisti nella squadra della sua città, prima di trasferirsi all'Ajax nel 2001 e successivamente iniziare la sua avventura in Italia con la maglia della Juventus. Dopo lo scandalo legato a calciopoli il passaggio, molto discusso, all'Inter, dove rimase per tre stagioni mettendo a segno 66 reti in 117 gare. Nell'estate del 2009 fu il Barcellona a puntare su di lui ma lo scarso feeling con Pep Guardiola lo costrinse a lasciare i blaugrana per tornare in Serie A, questa volta con la maglia del Milan. Nel 2012 poi il passaggio al Paris Saint Germain dove rimase per quattro anni. Quindi l'avventura al Manchester United, i gol inglesi, la rottura del legamento del ginocchio e altri tre successi, compresa l'Europa League contro il 'suo' Ajax. Chiusa la parentesi britannica, lo svedese ha scelto di volare negli States per incantare il pubblico sostenitore dei Los Angeles Galaxy. Con la franchigia statunitense Ibra ha continuato a fare ciò che ha sempre fatto in carriera, ovvero segnare gol.

Prima del suo ritorno al Milan nel gennaio 2020, arrivato per riportare in alto i rossoneri dopo anni molto complicati: missione compiuta nel maggio 2022, con il Milan tornato sul tetto d'Italia proprio grazie anche a Ibra, capace di far crescere tutto il gruppo con la sua esperienza, e di dare mentalità a una squadra che remando tutta nella stessa direzione è riuscita a vincere uno scudetto inaspettato a inizio stagione. Il suo palmares, come detto, è molto ricco e vanta: due Eredivisie, una Coppa e una Supercoppa d'Olanda, sei Scudetti, di cui uno revocato, tre Supercoppe italiane, una Liga spagnola, due Supercoppe di Spagna, quattro Ligue 1, due Coppe e tre Supercoppe di Francia, una Community Shield, una Supercoppa UEFA, una Coppa del mondo per club, una coppa di Lega inglese e una Europa League. Anche se, come detto, all'appello manca (e mancherà per sempre) il trofeo per Zlatan più prestigioso, ovvero la Champions League. Grazie al suo carisma e alla sua qualità è riuscito a far tornare ai vertici, almeno quelli italiani, il Milan e oggi, nonostante l'età e qualche infortunio da mettere in conto, resta uno dei giocatori più importanti della rosa di Pioli. Oggi Ibra compie 40 anni.