Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / perugia / Curiosità
Col senno di poi, si sarà pentito Santopadre dell'esonero di Castori dalla guida del Perugia?
giovedì 1 dicembre 2022, 11:57Curiosità
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net
fonte Marco Lombardi

Col senno di poi, si sarà pentito Santopadre dell'esonero di Castori dalla guida del Perugia?

"Serie B. Record di cambi in panchina: Bisoli e D’Angelo ok, Longo risale. La media punti", scrive la rosea. 

Da quando la Serie B è tornata a venti squadre, i club che hanno cambiato allenatore in ogni stagione non sono mai stati più di nove. Una quota adesso già raggiunta, dopo 14 giornate. La doppia cifra e il record sono quindi a un passo, sfiorati già in questi giorni con la tormentata conferma di Blessin al Genoa. Il contatore aggiornato racconta di 12 cambi per 9 club, considerando l’andata e ritorno di Fabrizio Castori e un paio di interregni. Ma alla fine, tutti questi movimenti, convengono davvero?

Due sono gli esempi virtuosi. Il Pisa, riannodando il filo con Luca D’Angelo, è tornato a viaggiare a un ritmo da promozione: la media del tecnico abruzzese è di 2 punti a partita in una striscia di otto gare senza mai perdere. Rolly Maran, nello sfortunato avvio, aveva viaggiato a 0,33. Una rivoluzione. La stessa che ha messo in atto Pierpaolo Bisoli, prendendo il Südtirol a zero dopo le prime tre giornate (in panchina, dopo la separazione estiva da Zauli, c’era andato il traghettatore Leandro Greco, poi confermato come vice) e trascinandolo in zona playoff (1,91 punti di media in 11 partite). Anche qui senza conoscere sconfitta. Sulla buona strada pure Moreno Longo, che sta provando a togliere il Como dai guai: 1,38 punti in otto partite la media dell’ex tecnico del Toro, che sta rianimando un ambiente che aveva inevitabilmente risentito della separazione da Jack Gattuso.

A livello aritmetico, sia William Viali a Cosenza (in tre partite) sia Paolo Vanoli a Venezia (in due) possono vantare una media punti migliore di chi li ha preceduti, ma la valutazione è prematura. A Perugia, col senno di poi, il presidente Santopadre si sarà pentito dell’esonero di Castori: 1,40 punti da quando è tornato il tecnico marchigiano, meglio sia del suo avvio di stagione (1,00) sia della parentesi da tre sconfitte con Silvio Baldini che poi si è dimesso. Al netto di molte attenuanti e del credito che gli è dovuto, invece, il cambio di passo non l’hanno garantito i campioni del mondo: Fabio Cannavaro, da otto giornate alla guida del Benevento, ha conquistato un punto a partita ed è indietro rispetto alla media di 1,33 costata l’esonero a Fabio Caserta. Discorso simile a Ferrara: la Spal di Venturato viaggiava a 1,13 punti, con De Rossi (1,00) è arrivata solo una vittoria, insieme a tre pareggi e due sconfitte (consecutive).