Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / perugia / News
Punti chiave nell’alimentazione dei calciatori per gli allenamenti, le prestazioni in gara e il recupero
venerdì 8 dicembre 2023, 22:26News
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net

Punti chiave nell’alimentazione dei calciatori per gli allenamenti, le prestazioni in gara e il recupero

Punti chiave nell’alimentazione dei calciatori per gli allenamenti, le prestazioni in gara e il recupero

In generale, quando si parla di alimentazione dei calciatori esistono dei punti chiave da rispettare per quanto riguarda gli allenamenti, le prestazioni in gara e il recupero, validi per tutti gli atleti. È ovvio che la preparazione atletica dei professionisti deve essere supervisionata e controllata dallo staff medico e dai preparatori, tuttavia, questi consigli che forniremo sono utili anche per chi gioca a calcio o calcetto amatoriale.

Alimentazione in allenamento e prima della gara

Quando si parla di dieta per un calciatore non è riferito al dimagrimento in senso stretto ma si tratta per ogni atleta di assumere tutti i nutrienti necessari per svolgere al massimo l’esercizio fisico in allenamento e prepararsi alla gara.

Questi consigli sono preziosi anche per chi non è un professionista, perché presentarsi sul campo con un minimo di allenamento riduce il rischio di infortuni.

L’errore da non commettere è quello del digiuno prolungato prima degli allenamenti o della gara, inoltre, è opportuno calcolare l’alimentazione rispetto ai tempi di digestione e le funzioni metaboliche, che sono sempre soggettivi.



Gli alimenti da evitare sono tutti quelli grassi e fritti, per esempio è possibile includere nell’alimentazione prosciutto crudo sgrassato o bresaola, ma bisogna evitare le altre carni rosse. I condimenti devono essere ridotti al minimo, così come i formaggi, anche il burro deve essere eliminato dalla dieta e l’olio deve essere usato sempre a crudo e deve essere solo ed esclusivamente extra vergine d’oliva.

I migliori carboidrati che consentono sia di sostenere la glicemia che conferire maggiori energie all’organismo, sono quelli contenuti in riso, pane, pasta, patate e carote lesse, per equilibrare le proteine utili a ogni calciatore durante l’allenamento e la fase pre-gara, bisogna scegliere carni bianche come pollo o petto di tacchino.

Alimentazione post partita e recupero

Dopo la gara è un momento fondamentale per quanto riguarda il recupero a 360 gradi del fisico, quindi dell’organismo e dei muscoli, per questo è fondamentale non commettere una serie di errori che molti calciatori fanno, soprattutto gli atleti che giocano a livello amatoriale o semi – professionistico e non sono seguiti dallo staff medico.

Un falso mito da sfatare riguarda la credenza che dopo la gara non bisogna né mangiare né bere, perché l’organismo affaticato non riesce a sopportare questo “impegno”: non c’è nulla di più sbagliato. È normale non avere fame al termine della gara ma è importante recuperare liquidi e sali minerali persi durante lo sforzo fisico attraverso bevande o integratori naturali.

Di conseguenza è fondamentale anche l’apporto di vitamine, quindi spazio a frutta fresca e integratori, così come è importante mantenere un’alimentazione sana durante i tempi di recupero, onde evitare infortuni nelle sessioni di allenamento successive.

A questo proposito è consigliato assumere anche capsule di bisglicinato di magnesio online, oltre a fare uno spuntino leggero oppure cenare o pranzare, a seconda degli orari in cui si svolge la sessione di allenamento o la gara, seguendo sempre scrupolosamente la dieta consigliata da un nutrizionista e non commettendo gli errori di alimentazione che abbiamo segnalato.