Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / perugia / News
Soddisfazioni per il pilota umbro Filippo Ferretti nella prova del Campionato Italiano Supersalita a Fasano
venerdì 17 maggio 2024, 16:59News
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net
fonte Roberto Pace

Soddisfazioni per il pilota umbro Filippo Ferretti nella prova del Campionato Italiano Supersalita a Fasano

Ottimo lavoro quello portato a termine da Filippo Ferretti nella 65’ Coppa della Selva di Fasano, seconda prova del nuovo Campionato Italiano Supersalita. Il pilota orvietano, portacolori di Kedda Racing (adesso Wolf Hillclimb Division S.r.l), utilizzate al meglio le due prove del sabato, ha corso le due manche di gara senza errori e con piede pesante. Ha messo infila le altre Wolf presenti, preceduto soltanto dalle due NovaProto 03 motorizzate Aprilia. La prova “provata” su quanto di buono abbi fatto il pilota orvietano sta nel duello spettacolare ingaggiato con Luca Caruso. Il siciliano, due volte campione italiano di Gruppo E2 SC, non è certamente l’ultimo arrivato. Ha maggiore esperienza di Filippo, lo si trova molto spesso nei piani nobili delle classifiche per l’assoluto che ha già fatto suo in più di una circostanza.

Il testa a testa tra i due ha premiato Ferretti per soli 6/10 di secondo sommando i tempi delle due manche. Un mese, scarso, di pausa manca alla Trento – Bondone, Università della salita e terza prova CISS. Filippo Ferretti sarà impegnato a ben figurare e competere per la classifica finale Under 30. Ha già dimostrato di “avere in mano la macchina”, anche se ci sarà da affinare gli ultimi dettagli, cosa realizzabile gara dopo gara.