Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / pordenone / In Copertina
Pordenone Calcio: come cambia il ramarro
sabato 11 giugno 2022, 08:29In Copertina
di Redazione TuttoPordenone
per Tuttopordenone.com
fonte Il Gazzettino di Pordenone - Dario Perosa

Pordenone Calcio: come cambia il ramarro

Al De Marchi si sta già lavorando per garantire a Mimmo di Carlo i collaborati e i giocatori necessari per centrare l’obiettivo dichiarato da Mauro Lovisa che è il ritorno in serie B entro due stagioni. Prima di arrivare a Pordenone Di Carlo era stato contattato da società straniere. Le trattative vennero interrotte perché tali società erano interessate solo al tecnico e non ai suoi collaboratori storici ai quali pare che Mimmo non volesse proprio rinunciare. La composizione dello staff tecnico sarebbe stata importante anche nella trattativa con la dirigenza neroverde. Non sono ancora arrivate comunicazioni ufficiali al riguardo, ma pare che dopo Bruno Tedino siano pronti a liberare gli armadietti del De Marchi anche l’allenatore in seconda Carlo Marchetto, il collaboratore tecnico Alcide Di Salvatore e il preparatore atletico Tommaso Zentilin. Sarebbero ancora sotto esame invece le posizioni del collaboratore tecnico Raffaele Clemente e del match analyst Martino Vignali. Se Di Carlo è riuscito veramente a far accettare al nuovo datore di lavoro i suoi collaboratori storici al raduno del Pordenone per la stagione 2022-23 e al ritiro precampionato di Tarvisio dovrebbe essere accompagnato dall’allenatore in seconda Davide Mezzanotti dai preparatori atletici Lorenzo Riela e Alessandro Dalmonte, dal preparatore dei portieri Marco Zuccher, da collaboratore tecnico e match analyst Martino Sofia e dal team manager Andrea Basso. Il primo compito di Di Carlo e del suo staff sarà quello di valutare i giocatori che attualmente sono ancora sotto contratto.

Si tratta dei Portieri Samuele Perisan e Gaetano Fasolino, dei difensori Alberto Barison, Alessandro Bassoli, Michele Camporese, Hamza El Kaouakibi, Matteo Perri, Alessio Sabbione e Federico Valietti, dei centrocampisti Kevin Biondi, Tomasz Kupisz, Gianvito Misuraca, Mihael Onisa, Simone Pasa, Emanuele Torrasi e Roberto Zammarini e degli attaccanti Karlo Butic, Leonardo Candellone, Amato Ciciretti, Simone Magnaghi, Davis Mensah, Federico Secli e Youssouph Cheikh Sylla.

Le indicazioni di Di Carlo su chi trattenere avranno sicuramente un peso importante. Gli azzurrini Cambiaghi e Dalle Mura in pratica hanno già fatto ritorno rispettivamente all’Atalanta e alla Fiorentina. Pronto a tornare fra i viola sarebbe anche Alessandro Lovisa. La lista della spesa presentata da Di Carlo comprenderebbe Davide Agazzi centrocampista eclettico della Ternana e Luca Barlocco, difensore della Virtus Entella. Da Modena continuano poi ad arrivare voci di un interesse del Pordenone per Mattia Minesso, classe 1990, che può giocare sia da centrocampista che da attaccante. Attilio Tesser, tecnico dei canarini, vorrebbe in cambio Samuele Perisan. Non è più una novità invece l’interesse del Pordenone per l’attaccante lituano Edgaras Dubickas reduce dall'esperienza nel Piacenza .