Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Nato Oggi...
Enzo Bearzot, più famoso per uno scopone con Pertini che per avere alzato la Coppa del MondoTUTTO mercato WEB
martedì 26 settembre 2023, 05:00Nato Oggi...
di Andrea Losapio

Enzo Bearzot, più famoso per uno scopone con Pertini che per avere alzato la Coppa del Mondo

Qual è l'immagine più iconica di Enzo Bearzot, l'uomo che ha riportato la Coppa del Mondo in Italia dopo 44 anni di assenza? Non è possibile sceglierne un'altra, perché il pensiero ritorna sempre lì. Con la Coppa sul tavolino dell'aereo che stava riportando gli azzurri da Madrid, dopo la epica notte del Santiago Bernabeu, in Italia. Non c'erano i social, quindi i giornalisti - e i fotografi - avevano accesso diretto al charter della Nazionale. Capita anche oggi, sebbene i prezzi siano spesso troppo alti per le testate giornalistiche che preferiscono lavorare in un'altra maniera, giusto o sbagliato che sia. Quindi niente storie di Instagram, oppure Tik Tok virali.

Eppure Enzo Bearzot verrà ricordato per sempre con il Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, impegnati in una partita di scopa. Il modo per stemperare un mese di tensioni, un mese partito malissimo con tutta la stampa contro, con lo scandalo del calcioscommesse che si era sgonfiato da poco ma con le polemiche per la convocazione di Pablito Rossi, quello che poi porterà a vincere il Mondiale. Appunto, l'estate dell'amnistia per chi era stato coinvolto proprio in quell'episodio (Pellegrini, Cacciatori, Della Martira, Albertosi, Giordano, Wilson, Manfredonia, Petrini, Savoldi e Zecchini in Serie A), ma che, di fatto, è stata una delle parentesi più straordinarie del nostro calcio.


Solo due campionati di Serie B da calciatore, con Torino e Catania. Quasi a riprova che un giocatore mediocre non può essere uno dei migliori allenatori sulla piazza, almeno con la Nazionale. Perché alla fine, con il club, ha allenato solamente il Prato nel 1969, per sei mesi, ottenendo 8 vittorie e 11 pareggi su 23 partite. Ma undici anni sulla panchina italiana sono quasi infiniti. Oggi Bearzot compirebbe 96 anni.