Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / Editoriale
Monza ultimo checkpoint: senza i tre punti addio Serie A
giovedì 22 febbraio 2024, 00:00Editoriale
di Roberto Sarrocco
per Tuttosalernitana.com

Monza ultimo checkpoint: senza i tre punti addio Serie A

Ci siamo. È arrivato il momento della verità. È la partita delle partite, l'ultima spiaggia prima dell'oceano, l'ultimo checkpoint per la salvezza. Una gara da non sbagliare, come doveva esserlo quella con l'Empoli, e che in caso di mancata vittoria può davvero segnare i saluti della squadra granata al campionato di massima serie. E nel destino della Salernitana proprio il Monza degli ex e dei tanti rimpianti di mercato.

Il rilancio, o il definito fallimento, della Salernitana passa dunque per gli ex Milan Djuric e Raffaele Palladino, due che a loro modo hanno lasciato il segno in casa granata, in tempi e modi diversi. Passa per tanti obiettivi di mercato sfumati, da Izzo a Colombo, passando per Gagliardini e per i vari Birindelli e Dany Mota. Passa per una gara che lo scorso anno confermo la compattezza di una squadra, quella di Sousa, in grado di rifilare tre schiaffi ai brianzoli e che sembra una lontana parente di quella vista quest'anno.

Monza come ultima chiamata, terminologie e sinonimi già sentiti più volte quest'anno e poi sempre rimandati e procrastinati fino al possibile che terminerà il prossimo sabato. La resa dei conti è arrivata e la Salernitana dovrà rispondere presente, almeno questa volta, per non archiviare troppo anzitempo in campionato a dir poco disastroso. Vincere per i ventimila dell'Arechi e per tutte quelle migliaia di tifosi che hanno continuato a girare gli stadi d'Italia tra figuracce ed umiliazioni, come l'ultima di San Siro. Vincere per non vanificare due anni di sacrifici e di passione smisurata, emersa in ogni sua forma sociale e sportiva. Vincere, perché vincere non è importante, ma mai come in questo caso è l'unica coda che conta.

Monza ultima fermata del treno Serie A. Monza come capolinea o partenza di una rincorsa salvezza che non è mai ripartita. Monza per continuare a sognare ed avere speranza che questo campionato possa essere ancora ripreso. Avanti tutta, crediamoci.