Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / salernitana / News
IL CASO: che fine fa il cavalluccio se va via Lotito? Nessuna risposta dal Comune, ma...
giovedì 21 gennaio 2021 19:00News
di Gaetano Ferraiuolo
per Tuttosalernitana.com

IL CASO: che fine fa il cavalluccio se va via Lotito? Nessuna risposta dal Comune, ma...

Negli ultimi 15 anni la questione legata al marchio della Salernitana ha diviso e agitato la tifoseria. Dal 2005, in particolare, quando la società di Aliberti fu estromessa per debiti dal campionato di B e ci fu la possibilità di ripartire attraverso il Lodo Petrucci, ma senza cavalluccio mentre un gruppo di ragazzini destinati al fallimento sgambettavano in terza categoria. Nel 2009 Antonio Lombardi pose fine alla querelle mettendo sul tavolo 400mila euro, ciò non bastò per evitare la sanzione del tribunale di Napoli che costrinse l'allora Salernitana Calcio a sborsare diversi milioni di euro per uso improprio dei segni distintivi nelle stagioni precedenti. Un guazzabuglio giudiziario che non solo fece saltare tutte le trattative per la cessione, ma che spinse il Salerno Calcio ad agire con cautela fidandosi dei propri legali e non dei mugugni di una piazza che chiedeva "marchio, colore e denominazione". Dopo un anno, anche grazie all' opera di mediazione del Centro di Coordinamento capeggiato da Riccardo Santoro, le parti in causa di misero a tavolino e concordarono l'acquisto del titolo, ma l'amministrazione comunale fu lungimirante e, nel famoso bando pubblico, stabilì che qualunque società subentrasse a quella fallita avrebbe dovuto riacquisire la storia e lasciarla in gestione proprio al Comune in caso di passaggio di consegne. Tradotto: il marchio appartiene alla città di Salerno e nessuno potrà più effettuare alcun tipo di manovra di disturbo. Perchè il posto del cavalluccio è sulle maglie granata e non in aule di tribunale. Va detto, tuttavia, che la nostra redazione ha sollecitato con frequenza l'assessore allo sport Angelo Caramanno ed altri esponenti politici che, data la delicatezza dell'argomento, hanno comunque preferito non fornire risposte ufficiali e approfondire il testo di quella documentazione dettagliatamente prodotta dall'ex Sindaco Vincenzo De Luca. L'avvocato Gentile, tuttavia, ha detto più volte che c'è un accordo sancito a luglio del 2011 e che il marchio è a tutti gli effetti un bene della città e della sua tifoseria. 

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000