Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / Serie A
LIVE TMW - Sampdoria, Stankovic: "Non mi arrendo. Sabiri? Cambio fatto per proteggere la squadra"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 5 marzo 2023, 17:59Serie A
di Andrea Piras
fonte Dallo stadio "Luigi Ferraris", Genova

LIVE TMW - Sampdoria, Stankovic: "Non mi arrendo. Sabiri? Cambio fatto per proteggere la squadra"

17.05 - Al termine del match contro la Salernitana, il tecnico della Sampdoria Dejan Stankovic interverrà in conferenza stampa dallo stadio "Luigi Ferraris". Segui la diretta testuale su TUTTOmercatoWEB.com.

17.44 - Inizia la conferenza stampa di Dejan Stankovic.

Alla fine di questa partita che valutazioni fa?
"Ad inizio primo tempo non era quello che mi aspettavo. La immaginavo diversamente ma l'importanza della partita non fa lo stesso effetto su tutti. C'è qualcuno che la gestisce meglio e chi non la gestisce e viene schiacciato dalla pressione o stress. E' difficile giocare in questa situazione. Abbiamo provato a dare una scossa all'intervallo ma, con tutte le assenze, abbiamo dato il massimo. Nel primo tempo mi aspettavo qualcosa in più, il secondo lo immaginavo molto combattuto. Tanti contrasti e bastava un episodio per risolverla. Purtroppo non è successo, ci saranno altre occasioni".

Sabiri è stato sostituito per la questione della pressione?
"Dovete chiedere a Sabiri non a me. Deve vincere la prima gara con sé stesso e poi dare una mano ai compagni. Io non mi permetto di giudicare. Deve capire in quale situazione siamo. Io proteggo la squadra, non voglio sbilanciarmi e lasciare che la squadra soffra. E' una decisione per mantenere l'equilibrio e la prestazione della Sampdoria. Non so quanto sia ma non deve andare al di sotto e in certi momenti si vedeva che andavamo sotto. Eravamo rilassati, perdevamo palloni facili. Non è l'atteggiamento che voglio. Si può sbagliare un passaggio o sbagliare la partita. A me è capitato, la pressione mi ha mangiato ma avevo altri compagni e mi hanno tirato su. Non è una polemica, solo volevo proteggere la squadra da un gol facile. Nel secondo tempo siamo stati ordinati, abbiamo schierato un po' di giocatori offensivi per cercare un episodio. Purtroppo non è arrivato anche per merito della Salernitana che ha fatto un'ottima gara, ordinata e di spessore. Non voglio puntare il dito contro nessuno ma era per proteggere la squadra".

Qualche rimpianto per aver tolto Sabiri?
"Zero rimpianti. Devi rimpiangere quello che non hai fatto ma non quello che hai fatto. Lo diceva Sinisa. Mi immaginavo una reazione un po' più cattiva. Mettendo Leris in quella posizione guadagni molta più gamba, eravamo un po' in confusione sul giro palla. Ci voleva un po' più di coraggio per il passaggio rischioso, noi in questo momento ci servono dieci metri. Noi anche se la vediamo la giocata, per tutta la tensione non la rischiamo. Io voglio questo ma sbagliamo. I passaggi si devono sbagliare, è non provare che mi manda un po' fuori binari. Io voglio stringere quella porta a tre-quattro metri, così non abbiamo paura di sbagliare".

Cosa ti aspetti da Sabiri?
"Lui fa parte di una rosa di 25 giocatori. Perchè non parliamo di Winks o Rincon che hanno lasciato l'anima per la Samp. Di Zanoli o Amione che è diventato monumentale. Perchè dobbiamo fare delle polemiche? Alla terza o quarta domanda diventa una polemica. Cosa mi aspetto dai giocatori della Sampdoria lo sanno e mi stanno rispondendo alla grande. Chiede a lui".


Un errore quindi tenerlo a Genova in prestito?
"Errore di chi? E' un'altra domanda a cui non posso rispondere. C'è un altro indirizzo a cui fare quella domanda. Se posso risolverla? No. Allora perchè incavolarmi. Non sono io la società".

Con la Juventus, una big come la Lazio, non può essere più facile?
"Io voglio tenere il gruppo ancora compatto. Dentro la tua domanda che anche la risposta: giocando contro una big non ho niente da perdere e provi una giocata rischiosa. Con la Lazio mi è piaciuto. E' quello che mi ha mandato fuori giri oggi: vedendo la giocata non la facevi per paura di sbagliare. Ogni partita per me è un obiettivo e i ragazzi rispondono molto bene. Da gennaio in poi siamo cresciuti molto bene ma purtroppo non basta. Bisogna segnare per prendere almeno un punto o altrimenti pareggi per 0-0. Ma lì il rischio è 100%. Venendo alla stadio ho visto i tifosi, dai più giovani ai più anziani, applaudire. Vedendo la coreografia mi sono commosso e mi chiedo che paura devo avere giocare in un ambiente. Il nostro tifoso è abituato alla sofferenza e tutti noi soffriamo di brutto. Loro ci sostengono ed è per loro che non voglio scendere dalla prestazione della Sampdoria ma ci servono gli attributi per le imprese".

Ci crede ancora alla salvezza?
"Dopo queste parole...io non mollo. Io fino all'ultimo non mi arrendo, perchè darla persa quando posso combattere? E' difficilissima ma darmi per perso no".

Un punto che ritiene giusto?
"Guardando la classifica non era uno scontro diretto. Loro sono molto più avanti rispetto a noi. E' un punto giusto. Se loro potevano segnare nel primo tempo con Candreva, anche noi potevamo fare qualcosa. A noi in questa situazione non conta questo pareggio. Fosse stato alla sesta giornata avrei detto che lo teniamo stretto".

17.59 - Termina la conferenza stampa di Dejan Stankovic.