Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sampdoria / A tu per tu
…con Crescenzo CecereTUTTO mercato WEB
martedì 28 marzo 2023, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Crescenzo Cecere

“Retegui? Ha fatto due gol in altrettante partite. In una Nazionale in grosse difficoltà ha dimostrato di poterci stare. Sicuramente aver scelto lui e non i nostri attaccanti vuol dire che c’è carenza di calciatori”. Così a Tuttomercatoweb l’operatore di mercato Crescenzo Cecere.

C’è davvero carenza?
“Basta guardare nel campionato italiano quanti giovani italiani ci sono. Non è un problema di oggi ma di tanti anni. Si è fatto poco per migliorare la situazione”.

Di chi è la colpa?
“Le responsabilità sono in capo a tanti. Dalla FIGC ai club fino alla società perché è cambiato l’approccio dei giovani al calcio. E poi vi è mancanza di equilibrio nel giudizio dei calciatori”.

Si aspetta l’arrivo di Retegui in Italia?
“Anche in inverno era stato accostato a diversi club. È un calciatore interessante però dipenderà anche dal costo del cartellino. Sicuramente non vale trenta milioni”.


Napoli verso lo Scudetto. Kvaratskhelia o Osimhen: chi il sacrificato?
“Ha fatto un grande mercato e costruito una grande squadra. Sta raccogliendo i primi risultati di una lunga serie. Dopo le esperienze del passato qualche pezzo sarà sacrificato. Oggi è impossibile tenere un calciatore con richieste di acquisto oltre cento milioni”.

Talenti della B da monitorare?
“Brunori, Caso e Morutan del Pisa. Sono pronti per il salto di categoria”.

Da beneventano che effetto le fa vedere il Benevento in crisi?
“Una stagione storta, iniziata male. Quando ci sono dei cambi di allenatore le situazioni sono sempre incerte. La società adesso è nelle mani del presidente, mi auguro possa raggiungere la salvezza. Certamente la gestione senza un direttore sportivo esperto che conosce la categoria ha portato a questa situazione catastrofica. Da beneventano spero che la squadra possa mantenere la categoria visti gli sforzi del presidente. Ma gli sforzi non bastano”

Radu brilla all’Auxerre.
“Sta dimostrando il suo valore. Ha la fiducia del club, sta facendo un buon campionato. È stata fatta una scelta quando è arrivata l’opportunità Auxerre. A fine anno tornerà all’Inter e poi si vedrà”.