Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / sassuolo / Non solo Sasol
Le 22 operazioni della Juve che non convincono la Procura di TorinoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 8 dicembre 2022, 15:12Non solo Sasol
di Redazione SN
per Sassuolonews.net

Le 22 operazioni della Juve che non convincono la Procura di Torino

Sarebbero 22 le operazioni poco convincenti finite nel mirino della Procura di Torino e che riguardano la Juve e altri club, ma non il Sassuolo

L'inchiesta Prisma prosegue. Secondo La Gazzetta dello Sport sarebbero 22 le operazioni di mercato effettuate dai bianconeri e che non convincerebbero del tutto la Procura di Torino. Si è parlato tanto nei giorni scorsi del trasferimento di Manuel Locatelli dal Sassuolo alla Juve ma secondo La Rosea, il passaggio del Loca ai bianconeri non sarebbe tra le 22 operazioni finite sotto la lente d'ingrandimento dei Pm. Dallo scambio Pjanic-Arthur con il Barcellona alla cessione di Emre Can al Borussia Dortmund passando per gli affari conclusi con Lugano, Sampdoria, Sion e Amiens, in totale sono 22 le operazioni e tra queste non ci sarebbe alcun affare con il Sassuolo.

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

Pallone Puma Orbita invernale 2022/2023 Serie A: Frattesi testimonial

Giovanni Capuano sul caso Juve: "Quanti punti vale lo Scansuolo"

Tuttosport: "Partnership Juve-Sassuolo, e Napoli-Empoli e Genoa-Inter?"

Si passa da Emil Audero alla Sampdoria per 20 milioni con Peeters e Mulé in bianconero rispettivamente per 4 e 3,5 milioni (più Stoppa, Gerbi e Francofonte con obbligo di riscatto per un totale di 4 milioni con Vrioni alla Juve per 4 milioni), a Spinazzola-Luca Pellegrini con la Roma per 29,5 milioni e 22 milioni, da Caldara-Bonucci con il Milan per 35 milioni, agli affari col Genoa (Sturaro a 18 milioni e Zanimacchia alla Juve a 4, Petrelli e Portanova per un totale di 18 milioni, rispettivamente 8 e 10, per una plusvalenza da 16,9 milioni, contestualmente lo stesso giorno si verifica l'acquisto da parte dei bianconeri di Rovella per 18 milioni), agli affari con il Lugano (Kameraj e Macek in Svizzera per 2,4 milioni e Masciangelo e Vlasenko dagli svizzeri a 2,8 milioni, da Anderson e Cotter per circa 4 milioni con il Sion allo scambio Arthur-Pjanic rispettivamente per 72 milioni e 60+5 di bonus (poi scambio Mathues Pereira Da Silva-Marques Mendez per 8 milioni), gli affari con il Manchester City (Cancelo-Danilo per 65 e 37 milioni ma anche Pablo Moreno-Felix Correia per 10 milioni),

E ancora: Sene al Basilea e Hajdari in bianconero per 4 milioni, Loria-Gori con il Pisa per 2,5 milioni il primo e 3,2 milioni il secondo, Lanini-Minelli con il Parma per 2,3 milioni più 0,5 di bonus al terzo punto conquistato dagli emiliani dopo il 1° febbraio per il primo e 2,9 milioni per il secondo, Edoardo Masciangelo-Brunori con il Pescara per 2,5 milioni circa, Bandeira Da Fonseca all'Amiens per 1,5 milioni e Nzouango dall'Amiens per 1,9 milioni (peraltro il contratto di Nzouango scadeva il 30 giugno per cui gli ispettori Consob hanno notato che l'operazione è stata effettuata come un acquisto anche se il giocatore formalmente era svincolato), la cessione di Emre Can al Borussia Dortmund, Muratore all'Atalanta per 7 milioni, lo scambio Tongya-Akè per 8 milioni con il Marsiglia, Lungoyi e Monzialo con il Lugano per 2,5 milioni, Parodi e Di Mariano con la Pro Vercelli per 1,5 milioni.