Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone C
Pres Potenza: "Nessuna cambiale, conflitto di interesse o affari"TUTTO mercato WEB
© foto di claudia.marrone
venerdì 21 giugno 2024, 20:15Girone C
di Dario Lo Cascio
per Tuttoc.com

Pres Potenza: "Nessuna cambiale, conflitto di interesse o affari"

Donato Macchia, presidente del Potenza, ha pubblicato una nota sui canali ufficiali del club, ha espresso la sua posizione e negato ogni conflitto di interesse circa la realizzazione della Cittadella dello Sport:

Nessuna cambiale, né conflitti di interesse, né affari.

Sin dal primo giorno, il Potenza Calcio, per me, è stato solo una questione di cuore.

E sin dal primo giorno ho affermato che il cuore del mio progetto sarebbe stato rappresentato dalla “Cittadella dello Sport”, un centro sportivo all’avanguardia, dove far crescere nuovi talenti e grazie al quale dare un’opportunità ai giovani della nostra regione. Per i quali, come ben sanno tanti genitori, riuscire a raggiungere un obiettivo, inseguire un sogno, è sempre più difficile che altrove. Anche nello sport. Vista la colpevole assenza di strutture che, tra le altre cose, aiutino anche a tenerli lontani dalla “strada”.

E sempre dal primo giorno, ho affermato che quel luogo, che sarà vanto per la nostra società calcistica, ma mi permetto di dire anche per la nostra regione, sarà realizzato con fondi nostri. Perché nulla abbiamo da chiedere e perché nulla mai c’è stato regalato.

Ecco perché non posso tacere rispetto alle speculazioni del giornalista Leo Amato lette sul Quotidiano del Sud di oggi.

Il mio sostegno a Basilicata casa comune e al candidato sindaco Vincenzo Telesca sono noti. Così come nota, per averla espressa più volte, è la mia visione della città capoluogo di regione.

Ma tutto ciò, nulla ha a che vedere con “cambiali” o “affari”, come li definisce Amato.

E se la “Cittadella dello Sport”, un ulteriore dono che volevo fare a questa città, deve essere sporcata da speculazioni politiche e giornalistiche, a due giorni dal voto tra l’altro, tolgo subito ogni dubbio. Vorrà dire che non la realizzeremo più a Potenza. Ma lo faremo in un altro comune. Altro che conflitti d’interesse.

L’unico conflitto, ma sono certo che gli elettori sapranno giudicare, è solo di quanti, seminatori d’odio di professione e professionisti della politica intesa come occupazione di poltrone per darsi un reddito, sono riusciti a far perdere anche questa opportunità alla nostra Potenza. Lo spieghino ai nostri tifosi, che hanno sempre caldeggiato questo progetto, e ai cittadini.

Noi, però, non toglieremo questa speranza ai nostri giovani. A loro, e ai loro genitori, dico: la Cittadella dello Sport si farà.

Concludo affermando che ho dato mandato ai miei legali di avviare ogni azione a tutela della mia immagine e di quella del Potenza Calcio.