Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / torino / A tu per tu
…con Massimo MaccaroneTUTTOmercatoWEB.com
martedì 28 giugno 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Massimo Maccarone

“Lukaku di nuovo all’Inter? Con Dybala e Lautaro formerebbe un tridente molto interessante”. Così a Tuttomercatoweb Massimo Maccarone, ex attaccante di - tra le altre - Siena, Empoli e Palermo, oggi allenatore del Ghiviborgo.
Come vede Dybala in nerazzurro?
“Può fare la differenza in qualsiasi squadra. Per l’Inter sarebbe un valore aggiunto”.
Al Milan non sono ancora arrivati i rinnovi di Maldini e Massara.
“Siamo alla fine di giugno. L’anno scorso il Milan è partito con un piglio diverso. Tante volte quando ci sono problemi internamente al di fuori si sa poco. Sicuramente Maldini e Massara stanno lavorando al futuro del Milan”.

Cosa manca ai rossoneri?
“Continuità. Il Milan ha dimostrato di meritare lo Scudetto. E l’anno prossimo avrà una capacità ulteriore per fare il salto di qualità. Poi è normale: più giocatori hai in grado di fare la differenza e meglio è. Anche perché quest’anno i rossoneri faranno la Champions. Poi il campionato partirà presto, c’è il Mondiale”.

Già, il Mondiale. E non ci sarà l’Italia.
“Fa un certo effetto. È il secondo Mondiale che saltiamo. Dispiace. Bisogna capire gli errori fatti fin adesso e cercare di rimediare”.

Cosa pensa delle ultime convocazioni di Mancini?
“Il mister ha voluto dare un segnale importante e c’è riuscito. Bisogna far crescere i giovani e dargli continuità. Come sbaglia il più giovane sbaglia anche il più grande. Se ai primi errori trovi l’alibi che non è giovane e non è pronto rovini tutto”.

E leí, pronto per la nuova avventura da allenatore?
“Non vedo l’ora di iniziare. Inizieremo la preparazione il 25 luglio, avrei cominciato volentieri molto prima. Da giocatore sono partito dal basso, voglio fare lo stesso da allenatore”.

Il suo modello?
“Il mio. Ho avuto la fortuna di avere tanti allenatori in carriera e percepire i loro insegnamenti. Nell’ultimo anno ho studiato diverse soluzioni. Devo ancora capire i calciatori che avrò a disposizione”.

Recentemente ha lavorato con Silvio Baldini. Il tecnico ha portato il Palermo in Serie B…
“È un allenatore di categorie superiori. L’ho avuto per tanti anni. A Carrara le cose l’ultimo anno non sono andate bene, sono contento che abbia preso la sua rivincita con il Palermo. È un grande allenatore e merita una piazza importante come Palermo”.