Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / torino / A tu per tu
…con Moreno LongoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
martedì 9 agosto 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Moreno Longo

“Vagnati-Juric? Cose che ogni tanto capitano anche se non dovrebbero capitare. Che il video sia uscito non è positivo”. Così a Tuttomercatoweb l’ex allenatore di Torino e Alessandria, Moreno Longo.

Il Toro è chiamato ad innesti di mercato.
“Il mercato è complicato per tutti. Sostituire i partenti non è facile. Erano di alto livello. Da Praet a Pobega fino a Belotti e Brekalo. Ma il mercato va fatto con oculatezza per cercare di non sbagliare. Il Toro allestirà una squadra competitiva”.
Belotti va verso la Roma.
"Potrebbe essere la piazza giusta. Vedo entusiasmo e una squadra che si è rinforzata tanto. Per lo step che ha voluto e cercato di fare rimanere in Italia alla Roma potrebbe essere la soluzione migliore”.

E lei mister?
“Ho risolto il contratto con l'Alessandria perché sono cambiati i programmi rispetto a quando sono arrivato. Mi dedicherò all’aggiornamento”.

Il suo nome era stato accostato al Palermo. Come l'ha vissuta? Da un punto di vista ambientale visti i suoi trascorsi al Frosinone non sarebbe stato il massimo.
“La notizia l’ho vissuta come una bella notizia. Palermo è una grande piazza. Quando ero a Frosinone lottavo con tutte le forze per il Frosinone e ho fatto il professionista. Sarei andato dando il centodieci percento”.

Però quei palloni in campo…
“Sono un professionista e cerco di lavorare al massimo per il club in cui. In quel Frosinone-Palermo la A era un obiettivo da raggiungere e l’ho raggiunta. I palloni beh, fa parte del gioco anche quello. Un nostro ragazzo, Citro, fece quel gesto istintivo, non potevano ne tornare indietro e ne metterlo alla gogna. Sa di avere sbagliato”.

Che Serie B vede?
“È un gran bel campionato con squadre importanti. Ci sono organici molto competivi. Genoa, Cagliari e Parma sono le favorite per i primi due posti. Poi occhio a Frosinone e Ternana”.