Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Focus
Cinquini: "Cheryshev dinamico, è un'ala offensiva. Mercato? L'operazione Joronen non mi ha convinto"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 9 settembre 2022, 15:49Focus
di Davide Marchiol
per Tuttoveneziasport.it

Cinquini: "Cheryshev dinamico, è un'ala offensiva. Mercato? L'operazione Joronen non mi ha convinto"

Il Gazzettino ha contattato Oreste Cinquini, ex dg del Venezia di Yury Korablin e anche ex braccio destro del commissario tecnico Fabio Capello, ovvero colui che fece esordire Cheryshev in nazionale il 14 novembre 2012 in un 2-2 contro gli Stati Uniti. Queste alcune delle sue dichiarazioni: «Denis è un ragazzo eccezionale, serio ed educato, rispettoso e con una mentalità più europea che russa, avendo sempre giocato nella Liga. Una differenza che si traduce in primis in una grande professionalità, dopodiché tutto dipenderà dalle condizioni fisiche e dalle motivazioni, ma se ha accettato questa sfida significa che non gli mancano. Per l'amore che mi lega a Venezia e al Venezia il mio augurio è che non abbia finito la benzina. Collocazione tattica? Innanzitutto se un giocatore ha avuto una chance al Real Madrid, significa che le qualità sono notevoli. Il problema fu la collocazione tattica, perché Cheryshev non è un terzino bensì un'ala offensiva, sia a sinistra sia a destra, con poca propensione alla fase difensiva. Al tempo stesso è dinamico e generoso, non gioca per sé, in carriera ha militato in squadre importanti fino al Valencia per ultimo, ma forse nessuno lo ha mai veramente sponsorizzato nel suo ruolo. Al Mondiale di Russia 2018 fece grandi cose, poi i problemi fisici lo hanno limitato».

Sulla stagione: «La B quest'anno è durissima, il Venezia mi auguro possa lottare per i playoff ma deve stare attento. Mi pare manchi una persona capace di dare un'impronta dentro-fuori dal campo per rinforzare la mentalità del gruppo. Poi se devo essere sincero un'operazione emblematica non mi ha convinto, ovviamente la rinuncia a Lezzerini e Galazzi più un conguaglio in denaro per arrivare a Joronen che a Brescia aveva finito il suo percorso».