Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / venezia / Focus
Collauto: "Non siamo più parte del club ma continuiamo a indossare questa maglia. 35 anni? Sono tantissimi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
martedì 28 giugno 2022, 15:30Focus
di Davide Marchiol
per Tuttoveneziasport.it

Collauto: "Non siamo più parte del club ma continuiamo a indossare questa maglia. 35 anni? Sono tantissimi"...

Durante la festa per i 35 anni dell'Unione, organizzata al Forte Gazzera dai gruppi della curva sud, ha parlato anche l'ex ds del Venezia Mattia Collauto, queste alcune delle sue dichiarazioni riportate dal Gazzettino: «C'è poco da dire, non siamo più parte del club ma sicuramente continuiamo ad indossare questa maglia. Voi tifosi avete vissuto con noi l'ultima annata e tutte le nostre esperienze da calciatori e dirigenti. Abbiamo sempre cercato di onorare la cosa a cui teniamo di più, perché giocatori, dirigenti e proprietà cambiano, a rimanere però è l'arancioneroverde e chi lo rappresenta, cioè voi. Venezia ora? Non dirò una sola parola sulla società e non per rabbia, ma perché questa festa ne ha a che fare per i colori ma non per lo spirito. Sono tantissimi 35 anni, molti di noi nel 1987 erano piccoli però tutti ricordiamo quel qualcosa di impensabile che ha reso l'Unione duratura e riconoscibile ovunque nel tempo. Non potete immaginare quanto io sia riconoscente per il vostro affetto, oggi ho 51 anni, ho smesso nel 2009 ma questo rapporto umano non ha prezzo. Lo spareggio di Cesena del '91 resta per me indescrivibile, io ero in campo e conoscevo tutti o quasi gli 8.000 in trasferta».