Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / venezia / Serie A
ESCLUSIVA TMW - Bellinazzo: "Così funzionano le plusvalenze. FIGC avrà difficoltà ad intervenire"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 27 ottobre 2021 14:15Serie A
di Simone Bernabei
fonte di Giacomo Galassi e Simone Bernabei
esclusiva

Bellinazzo: "Così funzionano le plusvalenze. FIGC avrà difficoltà ad intervenire"

Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore, è intervenuto durante il TMW News per commentare la questione relativa agli scambi e alle plusvalenze sospette riguardanti 62 operazioni di mercato fra il 2019 ed il 2021 emerse sulle pagine de la Repubblica e Il Tempo.

Scambi e plusvalenze sospette, cosa sono e perché si fanno?
"Di fatto esiste un abuso del player trading, della vendita e della cessione di calciatori. Rappresenta una leva del bilancio, laddove se hai un giocatore formato nel vivaio o un giocatore comprato da tempo e che si è rivalutato. Nel momento in cui viene effettuata la cessione è la differenza fra quanto incassi e quello che è il costo del calciatore iscritto a bilancio (zero in caso di formazione nel vivaio, il prezzo di acquisto tolti gli anni per cui è stato ammortato in caso di arrivo nel mercato), quei soldi in più vanno subito sul conto economico alla voce ricavi. Questo permette di avere un beneficio immediato, fa parte di una dinamica fisiologica del calciomercato. Col tempo, ma non è una novità visto che il calcio italiano di plusvalenze fittizie ne ha abusato da almeno 30 anni con varie fasi, si viene però a determinare un altro utilizzo del player trading: quello in cui si ha uno scambio di calciatori fra due società senza che ci sia passaggio reale di denaro. Sostanzialmente si va ad iscrivere a bilancio il prezzo di quel calciatore. Un esempio: io cedo un giocatore ad una squadra a 50 milioni, ipotizzando che questo non abbia più un costo essendo stato ammortizzato. Qual è il guadagno? Ciascuna delle società può subito iscrivere a bilancio nella voce ricavi un +50, questo permette di evitare i rossi e le ricapitalizzazioni da parte dei presidenti. Questa dinamica determina però un effetto perverso: da un lato non c'è scambio economico, i 50 milioni non sono usciti dalle casse societarie, non si è mosso nulla. Ma quei 50 milioni vanno a pesare sui bilanci delle due società. Il vantaggio qual è? Mentre la plusvalenza la iscrivi subito a bilancio col segno +, il costo di quella operazione lo puoi spalamare sugli anni in base al contratto che fai firmare al calciatore. Ipotizzando 5 anni di contratto, il costo sarà di 10 milioni ogni anno. Quindi il segno + sul primo anno è 40. A quel punto però il problema diventano gli altri 40 milioni di costi che dovranno essere compensati e che peseranno sugli anni successivi. Le plusvalenze fittizie creano ammortamenti, quindi costi negli anni successivi. Sono una sorta di cambiale che negli anni successivi le società dovranno pagare. Il problema è che talvolta le società non sono state più in grado di pagarle: quando crescono le plusvalenze, crescono anche gli ammortamenti e ad un certo punto c'è il rischio di non essere più in grado di far fronte a questi costi".

Vista la spiegazione e le carte arrivare sul tavolo della Procura federale, c'è la possibilità che venga aperta un'indagine? E nel caso, cosa rischierebbero i club coinvolti?
"L'ultimo caso eclatante è stato quello degli scambi tra Chievo e Cesena. Lì è stata persa una grandissima occasione dal calcio italiano, non si è voluto andare fino in fondo. Per le stesse operazioni, e lì' era semplice capirlo guardando i bilanci e notando la scientificità degli scambi, il Cesena fu penalizzato di 15 punti ma era già fallito e quindi fu una sanzione "a babbo morto". Il Chievo invece ottenne uno sconto di pena prendendo solo 3 punti di penalizzazione. Quel caso doveva far capire che il Chievo non navigava in buone acque, tant'è che il Chievo oggi è sparito dalle dinamiche del calcio professionistico. Questo mi porta a dire che ho seri dubbi che FIGC o Procura federale possano agire con particolare severità dati i precedenti".

Quali sono le maggiori difficoltà nell'ambito di un'eventuale indagine?
"Non esiste alcun criterio contabile, scientifico, che permetta di stabilire a priori qual è il prezzo giusto di cessione di un calciatore. Non parliamo di macchine, anche se dal punto di vista contabile restano beni strumentali. Nel caso dei calciatori però non c'è un listino prezzi, non c'è una borsa. Qualsiasi tipo di valutazione è soggettiva e discrezionale ed è complicatissimo per soggetti terzi andare a sindacare sulla giustezza del prezzo. Questa è la grande difficoltà nell'eventuale indagine".

La Consob, autorità che per prima ha analizzato le carte la scorsa estate, può muoversi autonomamente a prescindere da quella che sarà la strada intrapresa dalla Procura federale?
"La Consob si è mossa, ha avviato delle analisi su quelle che erano le operazioni dei club, in particolare quelli quotati in borsa come la Juventus. Non mi risulta però che questo procedimento sia arrivato a conclusione o che possa arrivarci a breve. Anche per la Consob, in fondo, le problematiche analitiche sono le stesse, anche perché andare a sindacare la giustezza di un prezzo per un club quotato in borsa significa andare a sindacare la correttezaa stessa del bilancio con tutte le ripercussioni che potrebbero essserci. Per questo la Consob dovrà essere ancora più cauta rispetto alla Procura. La Covisoc ha fatto il suo lavoro, ha segnalato queste operazioni, ma è complicato andare a fare ulteriori analisi. Il problema però secondo me non è a posteriori, non è l'andare a sindacare certe operazioni. Il tema vero è se si vuole bloccare il fenomeno, introducendo meccanismi contabili che vadano a bloccare gli effetti di queste operazioni senza però danneggiare chi fa trading per mestiere, penso all'Atalanta o all'Udinese che formano talenti per poi rivenderli. Si può però andare a limitare l'effetto contabile di certe operazioni, soprattutto quelle carta contro carta".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000