Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Editoriale
In casa Juventus piove sul bagnato. Tutti i dubbi sulla gestione di Angel Di Maria e le scelte sbagliate "col senno di poi" di Pogba che torna solo nel 2023. Allegri aggiusta il tiro sul BenficaTUTTOmercatoWEB.com
martedì 6 settembre 2022, 13:24Editoriale
di Marco Conterio

In casa Juventus piove sul bagnato. Tutti i dubbi sulla gestione di Angel Di Maria e le scelte sbagliate...

Nato a Firenze il 5 maggio 1985, è caporedattore e inviato di Tuttomercatoweb. In RAI con 90° Minuto, Calcio Totale e Notte Azzurra, ha lavorato con Il Messaggero, Radio RAI e Radio Sportiva
Su un lago di lacrime e pensieri, diluvia. Come se la sorte, se le strade del destino, avessero deciso di vestirsi tutte di bianconero e di prendersela con la Vecchia Signora. Dice Massimiliano Allegri che "col senno di poi...", ma in una gestione di uno staff atletico e sanitario, le controindicazioni vanno messe in conto. Angel Di Maria era pronto per giocare contro lo Spezia? "Serviva una scossa", ha detto ieri l'allenatore, ma pur di darla contro la piccola squadra ligure, era il caso di rischiare un giocatore che nell'ultimo periodo ha dimostrato fragilità e una condizione ancora da recuperare? Con la Fiorentina 45 minuti di gioco, "dove ha deliziato", ma i giudizi del post partita hanno raccontato una storia diversa. Un Di Maria fuori forma, fuori condizione, fuori giri, e la ripartenza firmata da Sottil-Kouamé all'Artemio Franchi lo ha dimostrato.

La grana Pogba
E poi c'è il gran caso della gestione di Paul Pogba, dove Massimiliano Allegri non ha certo voce in capitolo, colpe, responsabilità ma pure incidenza alcuna. Può sperare, augurarsi, chiedere, ma ha messo la salute del giocatore davanti a tutto. Il caldo consiglio arrivato da parte dello staff sanitario della Juventus, da quello della Francia, e pure esperti e commentatori a precisa domanda sulle colonne dei giornali e dei siti, era chiaro. Univoco. Pogba avrebbe dovuto operarsi. Invece ha scelto per la terapia conservativa, per non operarsi, il 24 giugno scorso. Oltre 40 giorni persi, perché Pogba s'è operato ieri in meniscectomia. Tempi di recupero? "Torna a gennaio", Allegri dixit. Con irritazione malcelata, perché in questo mare magnum di lacrime, pensieri e pazienza, mai avrebbe pensato di prendere il grande giocatore a centrocampo a inizio estate e di averlo solo nel 2023.

I 10 punti di Allegri
Intanto Massimiliano Allegri ha corretto il tiro. Lo ha fatto sul Benfica, e prima di lui Leonardo Bonucci. "Conoscete l'ironia del nostro allenatore, lo ha fatto per mollare la tensione". Di fatto, spostare l'attenzione sulla gara successiva per sorprendere in questa? Una via di mezzo. La gara importante è quella di oggi col Paris Saint-Germain, è vero, "ma in fondo servono 10 punti, se 3 gol PSG meglio, ma vanno bene contro tutte". Per questo, anche per l'analisi tattica fatta dopo, di una Juventus che dovrà stare attenta al Paris senza palla ma "soprattutto con, perché a campo aperto sono ancora più pericolosi", fanno venire in mente una cosa sola. Non sarà una Juventus d'attacco, champagne, spettacolare, e che potrà considerare un pareggio più di un mezzo successo. In questo mare di lacrime, scelte sbagliate, sfortuna, sarebbe oro colato.