Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / avellino / Focus
Rastelli: "Forse abbiamo il centrocampo più forte del girone. Non devo difendere De Vito, ha fatto il massimo"
sabato 4 febbraio 2023, 12:02Focus
di Marco Costanza
per Tuttoavellino.it

Rastelli: "Forse abbiamo il centrocampo più forte del girone. Non devo difendere De Vito, ha fatto il...

Massimo Rastelli, nel corso della conferenza stampa in vista della gara contro il Crotone, ha parlato anche di calciomercato e degli obiettivi dei lupi. 

Queste le sue parole: "Come mia esigenza era quella di portare un giocatore di livello che ci potesse dare una mano in mediana. Gori era uno di quei profili, dal momento in cui è saltata la trattativa, ho individuato altri profili, come Mazzocco, che conoscevo. Forse abbiamo il centrocampo più forte del girone, perchè abbiamo tutte le caratteristiche, qualità e un giovane come Maisto che sta meritando di far parte di questo gruppo. Il centrocampo è il reparto di cui sono più contento". 
Sul mercato: "Non voglio difendere il direttore, non ha bisogno di essere difeso. Sai cosa vuol dire togliere 16 giocatori a giugno o luglio scorso. Questo purtroppo condiziona il mercato. Lui ha cercato di fare quello che poteva, ha portato tutti giocatori validi, ma forse non ancora pronti per una piazza come Avellino e li abbiamo mandati a giocare. Poi su Gori, l'ho detto, lo avevamo preso, poi il presidente non lo ha più ceduto e non si è fatto più nulla. Una volta che non è arrivato lui, ho preferito non far prendere più nessuno e far crescere i giocatori che ho, così come i terzini, ho preferito lavorare con quelli che ho. Bisogna avere pazienza, è un percorso, accettare i momenti negativi, tutti insieme si deve andare avanti, vincere compatti. Non sono venuto qui a pettinare le bambole. Abbiamo un obiettivo, che è quello lì. Sono venuto per lavorare e per far crescere i ragazzi. Non è che qui se vinciamo siamo fenomeni e se perdiamo siamo coglioni. Altrimenti sarei restato a casa. Io mi assumo sempre le responsabilità. Dal momento in cui sono arrivato mi sono messo i paraocchi, e ho pensato a questa squadra e prepararla per vincere ogni partita. Ogni partita la andiamo ad affrontare, cercando di fare la nostra gara e cercando di vincerla come sempre".