Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / bari / Prossimo Avversario
Brescia, Clotet suona la carica: "Sarà una sfida bellissima. La squadra dovrà entrare in campo per lottare"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 29 settembre 2022, 14:05Prossimo Avversario
di Gerardo D’Agostino
per Tuttobari.com

Brescia, Clotet suona la carica: "Sarà una sfida bellissima. La squadra dovrà entrare in campo per lottare"...

Il campionato di Serie B è pronto a ripartire dopo la sosta dedicata alle nazionali. Una sfida di assoluta importanza attende il Bari al San Nicola nel pomeriggio di sabato contro il Brescia capolista. In vista della sfida contro i biancorossi, il tecnico dei lombardi Clotet si è concesso alle domande dei giornalisti in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni, riportate da Il Giornale di Brescia: "Per noi sarà una sfida bellissima. Loro vengono da una grande stagione in C, hanno una tifoseria che li spinge a sognare e a crescere. Ci sono tutti i presupposti perché sia una gara vibrante".

Sul clima rovente che attende il Brescia, il tecnico catalano si è così espresso: "Personalmente mi motiva. Non sento la pressione e non leggo i giornali, per evitare distrazioni. Devo ringraziare la stampa locale, perché ci aiuta a mantenere i piedi a terra. All'esterno possono esserci esaltazioni, ma qui dobbiamo creare il nostro “bunker”. A livello nazionale si è detto che abbiamo fatto il peggior mercato di B, questo deve motivarci a dimostrare che possiamo fare bene".

Clotet chiude infine con una riflessione a margine della sosta: "Questa sosta ci è servita per correggere qualche situazione, ma in generale fermarmi non mi piace, perché si fa slittare la competizione di una settimana. Il pericolo, specie quando giochi fuori casa, è quello di perdere un po’ di concentrazione, ma la squadra deve ricordare che dovrà entrare in campo per lottare".